Anche la seduta di ieri si è conclusa in positivo per doValue che ha mostrato un andamento più tonico dei principali indici a Piazza Affari.

doValue mette a segno un altro rialzo

Il titolo, dopo aver archiviato la sessione della vigilia, con un progresso di quasi mezzo punto percentuale, è riuscito a fare ancora meglio ieri.

doValue ha infatti terminato gli scambi a 9,4 euro, con un progresso dell'1,51% e quasi 110mila azioni passate di mano, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 180mila.

doValue: siglati nuovi contratti da inizio anno per 5,2 mld

doValue ha registrato un bel rialzo dopo che la società ha comunicato di aver sottoscritto da inizio anno nuovi mandati di servicing per complessivi 5,2 miliardi di gross book value, ovvero 3,2 miliardi di euro in più di quanto già annunciato ad aprile e con la presentazione dei risultati del primo trimestre di quest'anno.

I portafogli sono così suddivisi:

3,8 miliardi di gross book value da banche italiane, circa 3,3 miliardi di uro in più rispetto a quanto precedentemente annunciato, con una quota di mercato del 75% del new business assegnato a servicer terzi attraverso GACS;

1,4 miliardi di euro di gross book value da banche spagnole, 0,3 miliardi di euro in più rispetto a quanto precedentemente annunciato.

doValue: focus sui nuovi mandati

L’onboarding dei nuovi contratti è atteso completarsi per inizio 2022, segnalando che questi non includono Project Frontier: 6,1 miliardi di euro di gross book value, in cui doValue, in cordata con Bain e Fortress, è in negoziazione esclusiva con NBG.

I nuovi mandati confermano la forte pipeline sul mercato degli NPL in Europa, l’ottimo posizionamento competitivo di doValue e forniscono significativa visibilità sul raggiungimento/superamento del target di piano di nuovi contratti nel range 7-9 miliardi di euro, ricorda che al primo trimestre di quest'anno la società gestiva un gross book value di 161 miliardi di euro.

doValue al vaglio di Equita SIM e di Banca Akros

Equita SIM evidenzia che a questi contratti si aggiungono nuove masse da forward flow agreements per circa 1 miliardo di euro, con un dato complessivo di circa 2 miliardi di euro da inizio anno, con il target di piano già sostanzialmente raggiunto.

Gli analisti della SIM milanese mantengono una view bullish su doValue, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 11,4 euro.

Buone notizie per doValue sono arrivate ieri da Banca Akros che ha migliorato il giudizio da "accumulate" a "buy", con un prezzo obiettivo a 11,5 euro.

Gli analisti fanno notare che doValue sta confermando la sua leadership nel guadagnare nuovi mandati in sud Europa.
Banca Akros crede che la semestrale della società, in arrivo la prossima settimana, fornirà indicazioni sulla raccolta di NPL e in particolare sul recupero della stessa.