I 3 migliori EFT su cui investire nel 2024: le strategie di investimento migliori

Quali sono e come sono strutturati i tre migliori fondi EFT su cui investire nel 2024.

I fondi di investimento quotati in borsa, cioè gli EFT, possono essere comprati e venduti in Borsa con gradi vantaggi economici per gli investitori. Chi ha intenzione di guadagnare investendo non deve farsi scappare 3 EFT che, secondo gli analisti, sono destinati a crescere nel corso del 2024.

Cosa sono gli EFT?

EFT è un acronimo per indicare gli Exchange Traded Funds, ovvero dei fondi di investimento quotati in borsa, che replicano l’andamento di un indice di mercato, quale può essere ad esempio il mercato azionario, quello obbligazionario, quello delle materie prime o delle valute.

Indipendentemente dall’indice di riferimento, tutti gli EFT, esattamente come per le azioni, obbligazioni, materie prime e valute, possono essere comprati e venduti in borsa, tuttavia, diversamente da questi asset “tradizionali” gli EFT permettono di investire simultaneamente su più titoli, attraverso un paniere di riferimento che rappresenta un intero settore o area geografica.

Si può quindi investire su un EFT che riflette l’andamento delle Magnificent 7 o delle azioni Granolas, rispettivamente le big tech più quotate nel mercato USA e le 11 azioni con più alto valore nei mercati europei.

I 3 migliori EFT su cui investire nel 2024

Visto cosa sono, come funzionano e quali vantaggi e rischi caratterizzano gli EFT, possiamo individuare i migliori fondi EFT su cui investire nel 2024.

Per questa lista abbiamo individuato i fondi EFT per i quali è attesa una crescita di valore nel corso del 2024.

Per quanto riguarda gli EFT indicizzati su Criptovalute, Tron ed Ethereum sono tra gli EFT più quotati, per i quali è attesa una crescita di valore di oltre il 25% nel 2024. Gli EFT Etherium in particolare, sono stati tra i primi EFT basati su Criptovalute approvati per il mercato USA.

  1. 1.

    L’EFT MSCI ACWI Semiconductors & Semiconductor Equipment ESG Filtered è un EFT indicizzato sul settore dei semiconduttori, considerato dagli esperti un settore strategico fortemente in crescita, alimentato dalla massiccia richiesta di potenza di calcolo necessaria per lo sviluppo e l’addestramento di intelligenze artificiali. Questo fondo è indicizzato sull’indice l’MSCI ACWI Semiconductors & Semiconductor Equipment ESG Filtered Index, che include 67 aziende e dall’inizio del 2024 ha registrato una crescita del 25,88%

  2. 2.

    L’EFT MarketVector Digital Assets Max 10 VWAP Close è un ETF che investe in un paniere di 10 asset digitali, ovvero Bitcoin, Ethereum, Binance Coin, Cardano, Polkadot, Solana, Uniswap, Chainlink, Aave e Cosmos. Questi asset sono selezionati in base al loro volume medio ponderato di scambio (VWAP) e al loro prezzo di chiusura. L’EFT ha registrato, dall’inizio del 2024 una crescita del +20,39%

  3. 3.

    Tra i migliori EFT Obbligazionari vanno sicuramente menzionato l’EFT iBoxx MSCI ESG USD Asia ex-Japan High Yield Capped (EUR Hedged). Si tratta di un EFT che replica l’indice delle obbligazioni ad alto rendimento ESG, denominate in dollari USA di paesi asiatici, escluso il Giappone. Questo EFT ha registrato, dall’inizio del 2024 una crescita del +6,88% e si attende una maggiore crescita nel corso dell’anno, alimentata dalle stime di crescita della regione per il 2024.

I vantaggi degli ETF

Gli EFT sono un asset di investimento che, negli ultimi anni, ha riscosso molto successo, per effetto di diversi fattori, tra cui la semplicità e l’economicità.

Investire in EFT è relativamente semplice e, per certi aspetti, più sicuro, rispetto ad investire in singole azioni, per investire in EFT infatti, è sufficiente scegliere il pacchetto che meglio si adatta alle proprie esigenze, alla propria strategia di investimento, al proprio margine di rischio prestabilito. Si sceglie un EFT in base al margine di rischio, e si ottiene un pacchetto di titoli relativamente diversificato, senza che l’investitore debba selezionare i singoli titoli che compongono il pacchetto.

Oltre ad essere relativamente semplici, gli investimenti in EFT sono relativamente economici, questo perché, non richiedendo una gestione attiva e limitandosi a seguire passivamente l’indice di riferimento, possono offrire all’investitore costi di gestione estremamente bassi.

Come anticipato, trattandosi di asset che permettono di investire in un paniere di titoli, gli EFT sono facilmente diversificabili, riducendo così i rischi che invece si incontrerebbero investendo in titoli specifici.

Altro vantaggio relativo agli investimenti in EFT è legato alla loro quotazione, gli EFT come le azioni sono quotati in tempo reale e possono essere acquistati e venduti in qualunque momento della giornata.

Rischi degli investimenti in EFT

Come tutti gli investimenti finanziari, anche gli EFT non sono esenti da rischi.

Il principale rischio legato agli EFT è legato all’andamento dei mercati, trattandosi di strumenti basati su titoli finanziari, l’andamento dei mercati influisce positivamente e negativamente gli EFT. Di conseguenza, prima di acquistare EFT è opportuno valutare i rischi esattamente come se si investisse in azioni o obbligazioni.

Il secondo rischio legato agli EFT dipende dalla loro solvibilità, se infatti da un lato è estremamente semplice acquistare EFT, non è altrettanto semplice vendere EFT e, visto che il rendimento di questo strumento dipende in larga parte dalla compravendita, non riuscire a ricollocare in tempo gli EFT acquistati, potrebbe comportare una perdita di capitale.

Altro rischio legato agli EFT riguarda la loro struttura e la modalità di replica, che può essere fisica o sintetica. Chi sottoscrive EFT con replica fisica, detiene effettivamente gli asset che compongono l’indice, in altri termini, acquista un pacchetto di azioni, chi invece sottoscrive un EFT con replica sintetica non dispone dei titoli che compongono l’EFT e, de facto, sottoscrive un contratto con un istituto bancario che si impegna a pagare il rendimento dell’indice.

Antonio Coppola
Antonio Coppola
Copywriter, classe 1989. Sono nato a Napoli. Laureato in Storia Contemporanea e specializzato in geopolitica e relazioni internazionali presso l'Università di Pisa, nella vita mi occupo di divulgazione, marketing e comunicazione. Scrivo sul web da oltre 10 anni. Appassionato di scrittura e tecnologia, ho collaborato con diversi portali e riviste di settore nel mio campo e nel 2012 ho avviato un mio progetto di divulgazione storico culturale ed un podcast, grazie ai quali ho avuto modo di stringere collaborazioni con aziende, enti e riviste di settore ed ho avuto modo di esplorare e approfondire il mondo della SEO e del Web Marketing.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate