Seduta all'insegna del recupero per Enel che, incurante della debolezza mostrata dal Ftse Mib, ha guadagnato terreno e si è piazzato tra le prime posizioni nel paniere delle blue chips.

Enel in pole position tra le utility

Il titolo, dopo aver ceduto l'1,3% ieri, ha risalito la china oggi, terminando le contrattazioni a 8,581 euro, con un progresso dello 0,85% e poco più di 20 milioni di azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 24 milioni.

Enel favorito dal forte calo dei tassi BTP. Giù anche lo Spread

Enel oggi ha messo a segno la migliore performance nel settore utility, beneficiando delle ottime notizie arrivate dal mercato obbligazionario.

Lo Spread BTP-Bund è tornato a scendere e si è fermato a 101,8 punti base con un calo dell'1,74%, ma il movimento più forte è stato quello dei BTP.

Dopo le vendite di ieri, oggi si è assistito ad un deciso ritorno degli acquisti, tanto che il rendimento del decennale è affondato del 6,05% allo 0,73%.

Enel: Banca Akros resta bullish dopo roadshow

Enel inoltre ha trovato sostegno anche nella conferma positiva di Banca Akros dopo un roadshow con la società.

Gli analisti evidenziano che i messaggi arrivati dall'incontro sono positivi e di supporto per il caso di investimento di Enel.

Quest'ultimo si basa sulla transizione energetica, sulla digitalizzazione e sulla forte crescita delle rinnovabili.
Banca Akros richiama inoltre l'attenzione sul fatto che la guidance per il 2021 è stata confermata.

Non cambia così la strategia suggerita per Enel che secondo Banca Akros merita una raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 10,8 euro, valore che implica un potenziale di upside di oltre il 25% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.