Anche l'ultima seduta della settimana si è chiusa in rialzo per Enel che ha guadagnato ancora terreno, muovendosi sostanzialmente in linea con il Ftse Mib.

Enel si regala il bis dopo il rialzo di ieri. Scoppiano i volumi

Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un vantaggio dello 0,88%, oggi è salito ancora, fermandosi a 8,659 euro, con un progresso dello 0,91%.

Esplosivi i volumi di scambio, visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 73 milioni di azioni, più del il triplo rispetto alla media degli ultimi 30 giorni pari a circa 24 milioni.

Enel: risultati dell'OPA sul 10% di Enel Americas

Enel è finito sotto i riflettori dopo che la società ha annunciato i risultati dell'OPA volontaria parziale sulle azioni ordinarie e sulle American Depositary Share della controllata cilena Enel Americas.

Gli analisti di Equita SIM parlano di indicazioni positive dai risultati dell’Opa sul 10% di Enel Americas, con Enel che raggiunge l’82,3% del capitale.

L’operazione è in linea con quanto annunciato ai mercati nei mesi scorsi, con l’obiettivo di salire nel controllo della società sudamericana e nell’ambito dell’operazione di fusione delle attività di Green Power nel veicolo.

Enel: cosa farà ora? Equita resta buy

Superata la soglia di controllo del 65%, Enel ha ora la possibilità di implementare ulteriori operazioni di riorganizzazione della controllata, che includono secondo gli analisti anche la possibilità di cedere alcuni assets non core, in linea con le indicazioni di piano.

Confermata la view positiva su Enel che per Equita SIM merita una raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 9,3 euro.

Enel: per Mediobanca è outperform

A scommettere sul titolo è anche Mediobanca Securities che oggi ha reiterato il rating "outperform", con un target price a 9,5 euro.

La conferma giunge dopo i risultati dell'OPA sul 10% di Enel Americas, relativamente alla quale gli analisti spiegano che la razionalizzazione della struttura societaria in America Latina è di per sè positiva.