Anche quest'ultima seduta della settimana non sta riservando nulla di buono per Enel che, dopo aver ceduto due punti e mezzo percentuali ieri, continua a perdere terreno, mostrando più debolezza del Ftse Mib.

Enel scende ancora e tocca nuovi minimi dell'anno

Il titolo negli ultimi minuti si presenta a 6,509 euro, con una flessione dell'1,23% e oltre 28,5 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 30,5 milioni.

Enel occupa una delle ultime posizioni nel paniere del Ftse Mib e aggiorna i minimi dell'anno, con un bottom intraday a 6,473 euro, al di sotto del precedente livello toccato l'1 ottobre scorso a 6,55 euro.

Enel: roadshow con il management. Le novità rispetto ai target del piano

Il titolo oggi è finito sotto la lente di Equita SIM dopo un roadshow con il management, da cui è emersa una sostanziale conferma degli obiettivi del nuovo piano strategico del colosso elettrico.

In aggiunta rispetto ai target del business plan, gli analisi segnalano in primis che i potenziali effetti della pandemia rimangono la principale incertezza per gli obiettivi di breve termine.

I ritardi nella catena logistica e nella realizzazione del piano sono invece residuali e al momento hanno solo effetti contenuti.

L’evoluzione regolatoria, sopratutto in Spagna, è in miglioramento grazie alla revisione delle misure negative sui claw back gas e C02.

Da segnalare anche il recupero delle poste regolatorie in America Latina, la normalizzazione dell’Hydro e degli effetti sul procurement del gas, l’indicizzazione delle tariffe sulla regolazione aiuteranno la ripresa della profittabilità nei prossimi mesi.

L’idrogeno non è un obiettivo di investimento di breve periodo e al momento non ci sono le condizioni economiche.

Tra le dismissioni previste a piano, si segnalano l’uscita da alcuni impianti di generazione in Russia, la riduzione dell’esposizione in America Latina, dove il principale focus rimangono il Cile, Brasile e Colombia.

Possibile anche l’uscita da alcune reti di distribuzione specifiche in Latam in aree rurali.

Enel: focus su business servizi e PNRR

Il business servizi ha buone prospettive anche per i prossimi mesi sulla spinta degli incentivi alla building renovation.
Infine, il PNRR, ossia il piano nazionale di ripresa e resilienza, potrà dare un contributo grazie alle decisioni regolatorie che consentono di incamerare il beneficio sul 10% dell’investimento su alcuni investimenti a carattere regolato.

Enel: per Equita SIM è un ottimo buy

Gli analisti di Equita SIM confermano la view positiva su Enel e riteniamo che il 2022 possa offrire diverse opzioni di recupero di redditività a fronte di una valutazione attraente.

Non cambia così la stratega suggerita per il titolo, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 8,4 euro, valore che implica un potenziale di upside di circa il 29% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.