Borse: si salirà ancora? Petrolio, Eur/Usd e Oro buy?

Le Borse devono fare i conti con alcuni importanti appuntamenti nelle prossime settimane. La view di Davide Biocchi.

borse analisi intermarket

Di seguito riportiamo l'intervista a Davide Biocchi, professional trader, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

L’euro-dollaro è tornato indietro dopo aver provato a scavalcare la soglia di 1,10. Quali le attese nel breve?

L’euro-dollaro è arrivato vicino alla resistenza poco oltre quota 1,10 e ha incontrato una fase di stanca.

La mia idea è che il cross dovrà trovare un punto di equilibrio pre Banche Centrali e riscontro che tutto il mondo delle valute e delle commodity risponda tutto insieme allo stesso contesto.

Il mercato sta sfidando la Fed e sta già agendo pensando che la Banca Centrale americana abbassi i tassi prima del previsto.

Questo lo si vede dalla crescita delle Borse, dai rendimento del decennale, scesi addirittura sotto il 4,3%, ma anche dall’euro-dollaro che è salito così tanto, perché spinto dall’aspettativa di una Fed accomodante prima del previsto.

Euro-Dollaro: cosa aspettarsi?

Mi aspetto che dopo una crescita veloce, ora l’euro-dollaro cerchi un consolidamento, ricordando che quota 1,10 era già un buon target.

Ora il cross potrebbe anche ritracciare ancora un po’ verso 1,085, ma rimarrebbe nel range che sta sui massimi.

Il movimento che abbiamo visto dovrebbe un po’ includere l’assestamento comprensivo del fatto che l’euro-dollaro ha assorbito l’aspettativa che la Fed tagli i tassi prima.

Se la Fed parlerà duro, allora il cross tornerà giù, se al contrario lascerà intendere un possibile taglio, allora le quotazioni potrebbero mantenersi intorno ai valori correnti.

L’analisi dell’oro

Cosa può dirci dell’oro e cosa si aspetta nel breve?

Il dollar index debole fa salire i prezzi di tutte le commodities e quindi abbiamo visto l’oro andare oltre quota 2.000 dollari.

Questo perché rendimenti in calo, aspettative di un ribasso dei tassi e dollaro debole, più una situazione medio-orientale sempre latente, favoriscono gli acquisti sul gold.

Le attese sono per una prosecuzione del rialzo in atto, con possibili allunghi verso i massimi storici in area 2.080-2.085 dollari.

L’oro è pericoloso solo in caso di discesa sotto i recenti minimi di periodo in area 1.940 dollari, ma fino a quando terrà questo livello avrà forza.

Petrolio sotto la lente

Il petrolio ha innestato la retromarcia dopo una prima reazione positiva alle decisioni annunciate dall’Opec+. E ora?

L’Opec+ ha tagliato ancora la produzione e il petrolio ha reagito subito con un rialzo, ma poi è tornato indietro, perché qualcuno ha iniziato a dubitare del fatto che il prezzo possa salire togliendo la merce dagli scaffali più che venderla, per creare l’effetto rarità.

Il mercato ha rifiutato di salire ulteriormente su questa cosa per ora e secondo me c’è un range compreso tra 73 e 82 dollari, all’interno del quale può muoversi il petrolio. Sotto i 73 dollari si scenderà verso i 67 e i 64 dollari, mentre sopra gli 82 dollari salirà in direzione degli 88 e dei 93 dollari.

Come si muoveranno le Borse?

Cosa può dirci in merito al recente andamento delle Borse e quali le attese nel breve?

Nyse e Nasdaq traccheggiano, mentre i listini europei recuperano e vanno vicini ai massimi, perché i dati macro hanno dato delle aspettative, sopratutto sulla Germania, che fanno vedere la luce in fondo al tunnel.

Siccome le Borse erano scese tanto, hanno impiegato poco a tornare in alto, ma ora la scadenza delle Banche Centrali può fare rumore.

I mercati azionari possono traccheggiare e cercare di rimanere sui livelli attuali o anche salire un po’, ma saranno sensibili ai dati sul lavoro USA di venerdì prossimo.

La settimana successiva troviamo il dato sull’inflazione, poi inizia il FOMC, mercoledì parlerà Powell e il giorno dopo Lagarde, per poi approdare venerdì all’appuntamento con le scadenze tecniche trimestrali.

La partita si farà lì e fino a quel momento vedo mercati che possono andare avanti tranquilli e ci sono magari segnali che potrebbero andare bene.