La seduta odierna si avvia alla conclusione con il segno più per Exor che guadagna terreno dopo due giornate consecutive in rosso, mostrano ben più forza del Ftse Mib.

Exor: acquisti vivaci prima del week-end

Il titolo ieri si è fermato poco sotto la parità con un frazionale calo dello 0,15% e oggi si spinge in avanti, occupando una delle prime posizioni nel paniere delle blue chips.

Exor viene fotografato negli ultimi minuti a 67,12 euro, con un rialzo del 2,44% e volumi di scambio vivaci, visto che fino a ora sono transitate sul mercato oltre 425mila azioni, al di sopra della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 290mila.

Exor: focus sui conti di PartnerRE nel 1° trimestre

Exor scatta in avanti dopo che la controllata PartnerRE ha diffuso i conti del primo trimestre di quest'anno.

Nel periodo in esame PartnerRE ha registrato una perdita netta per gli azionisti ordinari di 539 milioni did ollari, rispetto a un rosso di 66 milioni di dollari registrata nei primi tre mesi del 2021.

La performance è dovuta essenzialmente ad unrealized losses su titoli a reddito fisso per 821 milioni di dollari, a causa del rialzo dei tassi di interesse.

Il book value attribuibile agli azionisti ordinari scende del 10% rispetto a dicembre a 6,6 miliardi di dollari.

Il closing della cessione a Covéa del 100% delle common share detenute da Exor per 9 miliardi più 0,3 miliardi di dollari, è sempre atteso entro la fine di giugno.

Pur sapendo che già in passato Covéa cercò di modificare i termini dell’intesa, e per questo nel maggio 2020 il deal annunciato a marzo dello stesso anno non venne finalizzato, gli analisti di Equita SIM fanno sapere che non hanno evidenza che esistano meccanismi di aggiustamento che possano adeguare il prezzo per tener conto del nuovo contesto macro.

Exor sotto la lente di Equita SIM

Il net asset value di EXOR aggiornato, mantenendo la valutazione di PartnerRE concordata nel deal, è pari a circa 115 euro.

Confermando l’applicazione di uno sconto del 20% sul net asset value, Equita SIM ha deciso di tagliare dell'1% il prezzo obiettivo di Exor a 92 euro, per l’aggiornamento degli asset quotati, mentre è stata confermata la raccomandazione "buy".