RENDIMENTO PORTAFOGLIO ITALIA 2021 +39.54%

E' stata una settimana caratterizzata da debolezza e nervosismo l'ultima appena trascorsa sui principali mercati azionari globalli che da una parte hanno dovuto fare i conti con le decisioni arrivate delle varie Banche Centrali (con la FED che raddoppia sul Tapering e apre le porte a 3 rialzi dei tassi nel 2022) e dall'altra con i rinnovati timori riguardanti la variante Omicron i cui contagi stanno riportanto alcuni Paesi a mettere in campo nuove misure restrittive.

In questo contesto torna a salire la volatilità e sui listini si assiste ad una rotazione settoriale con la liquidità che inizia ad uscire dal settore Tech che potrebbe essere quello maggiormente impattato negativamente da una politica monetaria restrittiva.

Sul mercato delle valute l'Euro he cercato di rafforzarsi nei confronti del Dollaro ma i prezzi hanno mancato al momento il break delle prime resistenze situate nei pressi degli 1.136-1.1370

L'analisi del FTSE Mib

Anche per il nostro indice principale è stata una settimana all'insegna della debolezza (-0.41%) con le quotazioni che, dopo essere scese nei pressi dei 26350 punti, chiudono oltre i 26600 punti; nel breve per il FTSE Mib sarà importante la ripresa dei 26650 punti (ex massimi di Agosto 2021) oltre i quali potremmo avere allunghi in direzione dei 27mila e a seguire 27200 punti.

Al contrario crescerebbero le possibilità di una nuova fase correttiva in direzione dei 26300 e a seguire 26mila punti.

Tra i titoli interessati segnalo PIRELLI con il break dei 6 euro, FERRARI in caso di discesa e tenuta dei 220 euro ed infine UNICREDIT che mantiene intatte le chance di andare in direzione dei massimi pre-covid situati in area 14.40 euro.

Buon trading

Per abbonarti ai segnali di trading su Blue Chip, Mid Cap ed Etf scrivi a: p.origlia@trend-online.com

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle mie attività, richiedi l'accesso al mio gruppo Telegram: http://bit.ly/2YvjIdj