A Piazza Affari non si ferma la corsa al rialzo di Fila che continua a calamitare gli acquisti, tanto che ieri ha archiviato la quinta seduta consecutiva in progresso.

Fila in rialzo per la quinta seduta di fila

Il titolo, dopo aver messo a segno martedì scorso un rally di quasi tre punti percentuali, anche ieri ha performato bene, mostrando più forza dell'indice di riferimento.

Fila si è fermato ieri a 10,44 euro, con un rialzo del 2,15% e volumi di scambio vivaci, visto che a fine giornata sono transitate sul mercato circa 250mila azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 160mila.

Fila: messaggi dalla Star Conference. Focus sul business

Ieri Fila è finito sotto la lente di Equita SIM, i cui analisti hanno partecipato alla Star Conference.

Dall'evento di Borsa Italiana sono arrivati alcuni messaggi chiave e per quanto riguarda il trading, gli analisti segnalano in particolare la soddisfazione per l’andamento attuale del business sia sul mondo scuola, con la riapertura quasi totale delle scuole in quasi tutti i paesi del mondo, che sul mondo Fine-Art che rappresenta 1/3 delle vendite di gruppo.

Fila: India e Messico sotto la lente

Per quanto riguarda l'India, che ha rappresentato il 10% dell'Ebitda 2019, si segnala una forte ripresa dei consumi, anche superiore alle attese, con impatti positivi sia a livello di EBITDA che di free cash flow, grazie alla riapertura delle scuole, ad agosto rispetto alla riapertura tradizionale a giugno.

Quanto al Messico, che rappresenta il 7% dell'EBITDA 2019, la riapertura delle scuole è avvenuta a fine agosto, mentre di solito è all'inizio dello stesso mese, ma data l’inagibilità di molte strutture, solo il 30% degli studenti è tornato effettivamente in classe.

Fila: costi materie prime

Dalla Star Conference è emerso inoltre che l’aumento del costo delle materie prime (soprattutto plastica, pigmenti, cellulosa, trasporti) è sostenuto e sarà coperto interamente con il terzo aumento prezzi (tra novembre e febbraio con impatto 2022).

L’attuale forte tensione sui costi sta mettendo in forte difficoltà i private label con i player più forti e con brand (come Fila) che stanno aumento quote di mercato.

Infine, per il free cash flow si segnala il reiterato focus sui tempi di pagamento in Messico, con la conferma dell’obiettivo di generare oltre 50 milioni di euro di free cash flow to equity nel 2021.

Fila al vaglio di Equita SIM e di Intesa Sanpaolo

Gli analisti di Equita SIM parlano di messaggi positivi che a loro avviso aumentano la visibilità sulla guidance 2021, pari a 106/107 milioni di euro, a cui loro sono praticamente allineati.

A detta della SIM milanese il titolo è economico e con fondamentali che si stanno confermando in miglioramento. Ribadita così la view bullish, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 12,4 euro.

A puntare su Fila è anche Intesa Sanpaolo che consiglia di acquistare con un target price a 13,2 euro.
Gli analisti richiamano l'attenzione sulle notizie positive dall'India dove la ripresa delle attività è stata forte.