Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gianluigi Raimondi, Gianluigi Raimondi Direttore ITForum.it e responsabile Bluerating Mercati (gruppo Bfc Media) con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib ha chiuso la settimana su nuovi massimi dell'anno: a questo punto è lecito attendersi un'accelerazione al rialzo?

Dal punto di vista tecnico, i principali indicatori e oscillatori non sono ancora entrati in territorio di ipercomprato, di conseguenza è possibile un ulteriore allungo del Ftse Mib.

In quest'ottica i prossimi obiettivi li individuo a 25.485 punti in prima battuta e in seguito in zona 25.650/25.700 punti, con stop loss abbastanza rigido all'eventuale violazione di area 24.650, dove coincidono la media mobile a 21 sedute e il supporto dinamico ascendente di breve termine.

Il petrolio sta cercando l'allungo verso i massimi dell'anno: cosa può dirci di ENI, Saipem e Tenaris?

Partiamo da ENI che molto timidamente sta tentando di rialzare la testa, ma rimane incastrato nel movimento laterale partito dalla seconda settimana di marzo.

Solo la conferma del superamento della resistenza statica a quota 10,65 euro, limite superiore della fascia laterale di oscillazione, potrebbe favorire un credibile e duraturo allungo di ENI verso 11,5 euro prima e in direzione di 12 euro in seguito.

Saipem sta tentando anch'esso di rialzare la testa con volumi in crescita, ma dovrà essere confermato il superamento della trendline di breve-medio termine in area 2,1 euro, oltre cui i successivi target sarebbero a 2,2 euro prima e poi a 2,35/2,4 euro.

Un acquisto di Saipem dovrà essere accompagnato da uno stop loss sotto quota 2 euro.

Infine, Tenaris sta cercando di incrociare al rialzo le medie mobili in area 9,5 euro e solo oltre questo livello si potrebbe tornare all'attacco della resistenza statica posta a quota 10 euro.

Solo in tal caso si potrà abbandonare a favore di un rialzo il movimento laterale in atto dalla seconda settimana di marzo scorso, con obiettivi a 11 e a 11,5 euro. 

Tra i bancari ce n'è qualcuno che sta seguendo con più attenzione di altri in questo momento?

Spendo volentieri due parole su Mediobanca che sta generando degli interessanti segnali rialzisti, accompagnati da scambi in aumento.

Il titolo ha oltrepassato a quota 9,7 euro la trendline discendente di breve termine e se il movimento dovesse continuare, andrebbe a testare la resistenza in area 10 euro.

Oltre questa soglia Mediobanca a quota 10,5 euro prima e in seguito all'area degli 11/11,25 euro.

Per un acquisto del titolo suggerisco uno stop loss a 9,5 euro, dove passano la media mobile a 50 sedute e il supporto dinamico ascendente di breve termine. 

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Piazza Affari?

Al di fuori del paniere del Ftse Mib segnalo Salvatore Ferragamo che sta salendo con volumi superiori alla media mensile e trimestrale.

Se il titolo dovesse confermare il superamento del massimo relativo a quota 19,5 euro, potrebbe allungare ulteriormente il passo verso i 20,4 euro, dove a luglio del 2019 aveva aperto un gap ribassista, e in seguito fino ai 22 euro.

Chi volesse acquistare Salvatore Ferragamo farà bene a fissare uno stop loss a 18,6 euro, dove è posto al momento il supporto statico di breve termine.