Petrolio: chiusura invariata ieri per le quotazioni dell'oro nero che si sono fermate a 80,58 dollari, in frazionale rialzo dello 0,04%.
Nel pomeriggio sarà diffuso il report sulle scorte strategiche USA da parte del Dipartimento dell'energia. 

Wall Street: chiusura negativa anche ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&P500 sono scesi rispettivamente dello 0,34% e dello 0,24%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 14.465,92 punti, in calo dello 0,14%.

I dati macro e societari negli Stati Uniti

Dati Macro ed Eventi Usa: per oggi è previsto l'indice settimanale Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene USA. 

L'inflazione a settembre dovrebbe salire dello 0,3%, in linea con la lettura precedente, mentre la versione "core" è attesa in aumento dallo 0,1% allo 0,2%.

Due ore prima della chiusura di Wall Street è attesa la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione della Fed tenutasi il 21 e il 22 settembre scorsi.

Risultati trimestrali USA: prima dell'avvio degli scambi a Wall Street saranno diffusi i conti del terzo trimestre di BlackRock e di JP Morgan con un eps atteso rispettivamente a 9,23 e a 3 dollari, mentre Delta Airlines dovrebbe riportare un utile per azione di 0,17 dollari.

Gli aggiornamenti macro e gli eventi in Europa

Dati Macro ed Eventi in Europa: la produzione industriale ad agosto dovrebbe calare dell'1,2% dopo il rialzo dell'1,5% precedente.
In Germania è atteso il dato finale dell'inflazione che a settembre dovrebbe attestarsi sulla parità.

Sempre in Germania da seguire l'asta dei titoli di Stato con scadenza a 30 anni per un ammontare massimo pari a 1 miliardo di euro.   

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

Titoli oil: da seguire oggi ENI, Saipem e Tenaris in vista del report sulle scorte strategiche di petrolio USA.

Asta titoli di Stato: in mattinata saranno collocati i BTP con scadenza agosto 2024 per un ammontare compreso tra 2,5 e 3 miliardi di euro, mentre i BTP con scadenza luglio 2028 saranno offerti per un importo tra 1,5 e 2 miliardi di euro e i BTP con scadenza settembre 2051 per un ammontare tra 1 e 1,5 miliardi di euro.