Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Sante Pellegrino, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.

Il Ftse Mib ha frenato la sua ascesa dopo aver avvicinato l'area dei 25.000 punti nei giorni scorsi. Quali i possibili scenari ora?

Come già anticipato nell'intervista della scorsa settimana, a Piazza Affari c'è stato un cambio ciclico importante che ha dato il via ad una nuova stagione del mercato.

Quest'ultima purtroppo non sarà rose e fiori, anzi: il mercato ha già dato e parecchio, ed è il momento quindi di raccogliere un po' di frutti per investire nuovamente in futuro.

Il Ftse Mib tra fine marzo e inizio aprile ha segnato nuovi massimi dell'anno, ma a parte qualche effetto di volatilità, che è ancora possibile, non credo ci saranno importanti aggiornamenti dei top 2021 almeno per ora.

Il future sul Ftse Mib ha toccato i suddetti massimi dell'anno in area 24.700 e bisognerà superare ora questa soglia per allungare fino ad area 25.000.

Al ribasso il primo supporto importante è a 24.170 punti, la cui violazione proietterà i corsi sui 23.900 punti prima e in seguito in direzione di area 23.650.

Come detto siamo in una fase di distribuzione in attesa dello stacco dei dividendi che, come sappiamo, sul listino italiano hanno un effetto sconto, perchè la cedola è distribuita agli azionisti e il suo valore è sottratto dal titolo, con riflessi negativi sulle quotazioni dell'indice.

Occhi bene aperti quindi nel breve, visto che il Ftse Mib soffrirà di una lateralità ribassista da stordimento.

Come valuta l'attuale impostazione di Banco BPM e Bper Banca?

Banco BPM si trova sotto la resistenza dei 2,38 euro che continua a farsi sentire e l'abbandono eventuale dei 2,34 euro, porterà ad una discesa verso i 2,2/2,18 euro dove il titolo troverà dei validi supporti.

Per un'operatività long su Banco BPM consiglio di attendere il superamento dei 2,51 euro, evitando di intervenire prima.

Bper Banca è in una fase di lateralità, visto che si muove nel canale compreso tra 1,86 e 1,93 euro.
Quest'ultimo livello si fa sentire come resistenza e l'eventuale abbandono di quota 1,86 euro farà accelerare al ribasso Bper Banca verso la fascia supportiva di area 1,8/1,77 euro prima e in seguito fino a quota 1,5 euro.

Solo con il superamento al rialzo di 1,93 euro il titolo potrà spingersi in avanti fino a 1,98 euro in primis e in seguito verso quota 2,1 euro.

ENI ieri ha dato vita ad un rimbalzo, mentre è rimasto al palo Saipem: qual è la sua view su entrambi?

ENI conferma un'impostazione positiva, mantenendosi sopra il supporto dei 10,1 euro e ora il superamento dei 10,3 euro favorirà una salita fino a 10,66 euro.

L'abbandono del sostegno a 10,1 euro invece vedrà scivolare il titolo verso 9,9 euro prima e successivamente fino a quota 8,7 euro.

Saipem ha un supporto a quota 2,23 euro, la cui tenuta può favorire un rimbalzo fino alla resistenza di 2,32 euro prima e di 2,44 euro in seguito.

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Piazza Affari?

Segnalo Tod's che sta vivendo sedute decisamente euforiche, spingendosi ad un passo dalla resistenza a 36,04 euro.

Oltre questo livello si assisterà ad un ulteriore allungo fino a 41 euro, mentre sotto il supporto a 30,49 euro Tod's scenderà fino a 28 euro.