Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Pietro Origlia con domande sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari.

Il Ftse Mib ha reagito con decisione dopo aver messo in pericolo la tenuta di area 24.000: è lecito attendersi nuovi allunghi nel breve?

Martedì i mercati azionari hanno mostrato negatività in scia alle parole poi ritrattate della Yellen, di una FED pronta ad un rialzo dei tassi d'interesse per "raffreddare" l'economia statunitense.

Dichiarazioni che avevano portato alla vendita, nello spazio di un minuto, di 8mila contratti di future dell'S&P500.

Nella giornata di ieri sono tornati gli acquisti sui principali mercati azionari, grazie non solo ad una serie di trimestrali positive, ma anche al ritmo delle vaccinazioni nei vari Paesi che stanno avendo un impatto importanti sulla curva dei contagi di Covid-19.

Sul mercato delle valute l'euro prosegue la sua debolezza di breve nei confronti del biglietto verde, passando di mano in area 1,20.
Questo è un livello da non perdere per evitare che la fase correttiva possa proseguire in direzione degli 1,195.

Per quanto riguarda il Ftse Mib, la giornata di ieri ha riportato le quotazioni oltre l'area dei 24.400 punti.
Nel breve importante sarà la conferma di questi livelli per evitare da una parte un ritorno in direzione della soglia dei 24mila punti e dall'altra per assistere ad una una prosecuzione del recupero in direzione dei 24.700-24.750 punti in primis e a seguire verso i 25mila punti.

Come detto più volte questi saranno i livelli da monitorare, che rappresentano i massimi decennali, perchè in caso di superamento si aprirebbero target ambiziosi per il Ftse Mib.

Come valuta l'attuale impostazione di Banco BPM e Bpe Banca e quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Nelle ultime settimane abbiamo notato una ritrovata positività dall'intero settore bancario.  
Nello specifico prosegue il trend rialzista del BANCO BPM che, ripartito dai 2,2 euro, potrebbe ora spingere i prezzi in direzione dei massimi di marzo situati sulla soglia dei 2,50 euro.

Recupero in corso anche per BPER BANCA che, innescatosi dagli 1,78 euro, dovrebbe portare le quotazioni verso le forti resistenze situate sulla soglia dei 2,10 euro.

Al ribasso segnali di debolezza arriverebbero con la perdita degli 1,78 euro e primi target ribassisti nei pressi degli 1,68 euro.

Stellantis e Ferrari hanno reagito in maniera opposta alla trimestrale, con il primo in rally e il secondo in picchiata. Qual è la sua view su questi due titoli?

I buoni dati riguardanti il primo trimestre hanno innescato un vero e proprio rally sul titolo STELLANTIS che si porta oltre i massimi della scorsa settimana situati in area 14,50 euro, aprendo le porte per allunghi in direzione dei 15 euro e a seguire dei 15,50 euro.

Situazione diversa per FERRARI che paga una sorta di "profit warning" sul 2022, tornando a contatto con i primi supporti in area 168 euro.

Nel breve importante sarà la tenuta di questi prezzi per evitare una continuazione della debolezza in direzione dei 162 euro.

Azimut e Finecobank sono due temi interessanti da valutare? Quali indicazioni ci può fornire per entrambi?

E' una fase interessante quella di AZIMUT che cerca di portarsi in direzione delle importanti resistenze situate nei pressi dei 20,35 euro, oltre cui verrebbe inviato un segnale di forza.
Al ribasso segnali di debolezza per Azimut si avrebbero sotto i 19,50 euro.

Per quanto riguarda FINECOBANK, il mancato superamento dei 14,50-14,55 euro potrebbe indebolire il titolo, con primi target sui 14 euro e a seguire a 13,80 euro.

Quali sono i titoli che sta seguendo più da vicino in questa fase di mercato? A quali consiglia di guardare ora?

Tra i titoli interessanti troviamo CNH INDUSTRIAL che col break dei 13 euro aumenterebbe le possibilità di tornare in direzione dei suoi massimi di periodo in area 13,60 euro.

Da seguire TENARIS con conferme oltre i 9,30 euro e primi target sui 9,95 euro ed infine UNIEURO che nella giornata di ieri ha toccato nuovi massimi di sempre e ha aperto la porta ad ulteriori allunghi.

Buon trading

Per abbonarti ai miei segnali di trading su Blue Chip / Mid Cap / Etf, invia subito
un Sms/Whatsapp al +39 375 567 0835 digitando "Info Origlia", oppure chiama lo 02 400 42 139.

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle mie attività,
richiedi l'accesso al mio gruppo Telegram: Gruppo Telegram di Pietro Origlia.