Chiusura vivace ieri per le Borse europee che hanno terminato gli scambi tutte in salita, fermandosi a ridosso dei massimi intraday.
Il Cac40 e il Dax sono saliti rispettivamente dell'1,54% e dell'1,43%, seguito dal Ftse100 che ha guadagnato l'1,28%.

Ftse Mib: sttimana volatile, ma il bilancio è positivo

E' rimasta leggermente più indietro Piazza Affari che pure ha chiuso gli scambi in positivo, con il Ftse Mib in ascesa dell'1,14% sui massimi intraday a 24.766 punti, dopo aver toccato un minimo intraday a 24.430 punti.

Positivo anche il bilancio settimanale, visto che nelle ultime cinque sedute l'indice delle blue chips è salito dello 0,62% rispetto alla chiusura del venerdì precedente.

Quella appena trascorsa è stata una settimana ricca di turbolenza per il Ftse Mib che dopo aver testato quota 24.800 punti in avvio di ottava, ha avviato un ripiegamento che si è fermato dapprima in area 24.250. 

La reazione che si è avuta da questo livello è stata poco convincente e così le vendite hanno avuto nuovamente la meglio, con un rapido affondo verso area 23.900, da cui è partita però una reazione altrettanto veloce che ha riportato le quotazioni nei pressi dei massimi di inizio settimana.

Ftse Mib: le due indicazioni chiave delle ultime sedute

Dal movimento delle ultime sedute arrivano due indicazioni molto importanti da non trascurare.
La prima è che la volatilità è tornata a farsi sentire e non solo a Piazza Affari, e questo chiama ad una maggiore cautela nel breve, visto che è aumentato il rischio di assistere a repentini movimenti del mercato con cambi di rotta improvvisi e decisi.

La seconda indicazione attiene all'aspetto grafico: il Ftse Mib giovedì ha testato per la terza volta l'area dei 23.900 punti, dopo averla già raggiunta il 21 aprile e il 4 maggio scorsi, disegnando così un triplo minimo.

La rapida e vivace risalita del Ftse Mib partita dopo questo triplo test lascia ben sperare nel breve, quantomeno nella tenuta dei recenti minimi.

Ftse Mib lanciato verso nuovi top?

La spinta del suddetto triplo minimo dovrebbe esplicarsi in un test dei massimi dell'anno poco sotto i 25.000 punti, raggiunti i quali bisognerà fare un nuovo check al Ftse Mib.

Se l'indice avrà ancora forza, allora romperà i top del 2021 e andrà a caccia di un altro importante massimo, quale quello del 2020 in area 25.500.

Quest'ultimo si configura come un duro ostacolo che potrebbe anche non essere infranto ad un primo test, favorendo al contrario un ripiegamento del Ftse Mib.

Con la rottura dei 25.500 punti invece avrà inizio un altro film, ma è prematuro per ora anticiparne la trama.

Ftse MIb: ecco i supporti da non mollare

Guardando verso il basso, un primo riferimento da monitorare è in area 24.500, ma la soglia chiave per il Ftse Mib è a 24.000/23.900 punti.

L'eventuale sfondamento di questa andrà a negare il triplo minimo di cui parlavo primo, prospettando scenari ribassisti più o meno pesanti.

Sotto i 24.000/23.900 punti il Ftse Mib potrebbe scivolare fin verso i 23.200  i 23.000 punti, con proiezioni successive a 22.800/22.500 punti prima e a 22.000 punti nella peggiore delle ipotesi.

I market movers in America e in Euopa

Per la prima seduta della prossima settimana, sul fronte macro USA si segnala l'indice New York Empire State Manufacturing che a maggio dovrebbe calare da 26,3 a 22,6 punti.
Per l'indice Nahb di maggio le attese sono per un rialzo da 83 a 84 punti.

In Europa si guarderà all'Italia dove sarà reso noto il dato definitivo dell'inflazione che ad aprile dovrebbe salire dello 0,9% rispetto allo 0,3% precedente.

Da seguire in Germania l'asta dei titoli di Stato con scadenza ottobre 2021 e aprile 2022 per un ammontare massimo di 3 miliardi di euro per ognuna.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari si segnala lo stacco del dividendo di Credem (0,2 euro), Cembre (0,9 euro), Cementir Holding (0,14 euro), MutuiOnline (0,4 euro), Neodecortech (0,09 euro), RcsMediagroup (0,03 euro) e Ilpra (0,03 euro).

Da segnalare che lunedì prenderà il via, per concludersi il 4 giugno, l'Opa volontaria totalitaria di Fly su Carraro.