Ftse Mib prova a ripartire: quali scenari?

Il Ftse Mib ha reagito dopo il calo di ieri, ma deve ancora fare i conti con importanti livelli di resistenza.

ftse mib attese seduta

Chiusura contrastata oggi per le Borse europee che non sono riuscite a imboccare tutte la stessa direzione di marcia.

In realtà ha avuto la meglio il segno più, visto che l’unica nota stonata è stata quella della piazza tedesca, con il Dax in flessione dello 0,4%, mentre il Cac40 e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,08% e dello 0,09%.

Ftse Mib al top in Europa

Ad avere la meglio è stata Piazza Affari, che ha visto il Ftse Mib terminare gli scambi a 28.757 punti, con un rialzo dello 0,6%, dopo aver toccato nell’intraday un massimo a 28.795 e un minimo a 28.506 punti.

Il Ftse Mib ha trovato un valido supporto in area 28.500, la cui tenuta ha favorito un rimbalzo verso i 28.750/28.800 punti.

Il superamento di questo livello favorirà ora un allungo verso quota 29.000 punti e se l’indice riuscirà ad andare oltre i 29.000/29.100 punti, potrà estendere la salita verso i 29.500 punti prima e in seguito verso i top dell’anno in area 29.750.

La mancata violazione dei 29.000 punti e ancor prima di area 28.800, potrebbe favorire dei ripiegamento verso i 28.500 punti.

In caso di cedimento di questo livello, il Ftse Mib potrebbe arretrare verso i 28.200 e i 28.000 punti, la cui rottura aprirà le porte a un ribasso più marcato verso i 27.800 e i 27.500 punti.

I market movers negli Stati Uniti

Per la prossima seduta, sul fronte macro USA si segnala l’indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari.

Nel pomeriggio sarà diffuso il report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell’energia statunitense.

L’evento clou della seduta sarà l’annuncio della Fed sui tassi, destinati a rimanere fermi al 5,25%-5,5%.

Da seguire la conferenza stampa del presidente Jerome Powell, per capire quali potranno essere le prossime mosse di politica monetaria.

Sul versante societario, da seguire prima dell’apertura di Wall Street i conti del primo trimestre dell’esercizio 2023/2024 di General Mills, con un eps previsto a 1,08 dollari, mentre a mercati chiusi sarà diffusa la trimestrale di FedEx che per non deludere le attese dovrà centrare l’obiettivo di un utile per azione pari a 3,74 dollari.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa si guarderà alla Germania, dove saranno diffusi i prezzi alla produzione che ad agosto dovrebbero salire dello 0,1% dopo il calo dell’1,1% precedente.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari si segnala il pagamento dei dividendi staccati ieri da ENI (0,24 euro), STM (0,06 dollari) Piaggio (0,125 euro) e SeSa (1 euro).

Sotto la lente Mediobanca che diffonderà i conti dell’esercizio 2022-2023, mentre ad alzare il velo sui dati del primo semestre 2023/2024 sarà OVS.

Al test dei conti anche AATech, ALA. Comal, Digital Magics, Grent, Racing Force, Tecma Solutions e Websolute, che presenteranno i numeri del primo semestre di quest’anno.

Uno sguardo anche a Stellantis in vista dei dati sulle vendite di auto in Europa che saranno comunicati da Acea con riferimento al mese di agosto 2023.