Ftse Mib a un test chiave ora: quali scenari?

Il Ftse Mib ha raggiunto un livello psicologico di rilievo: si sale ancora?

L’ultima seduta della settimana si è conclusa in maniera contrastata per le Borse europee che si sono presentate a fine giornata precedute da segni diversi.

Il Dax e il Ftse100 sono scesi rispettivamente dello 0,03% e dello 0,2%, mentre il Cac40 ha terminato gli scambi in frazionale rialzo dello 0,04%.

Ftse Mib al top in Europa: settimana positiva

Ad avere la meglio è stata Piazza Affari, che ha visto il Ftse Mib archiviare la seduta con un rialzo dello 0,46% a 33.940 punti, dopo aver toccato nell’intraday un massimo a 34.041 e un minimo a 33.759 punti.

Positivo anche il bilancio settimanale, visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chip ha messo a segno un progresso dell’1,61% rispetto al close del venerdì precedente.

Il Ftse Mib in avvio di settimana è sceso a testare l’area dei 33.100, da cui ha avviato un bel recupero che lo ha spinto prima verso la soglia dei 33.800 punti.

Le quotazioni hanno poi allungato ulteriormente il passo, testando in tre occasioni la soglia dei 34.000 punti, violata solo parzialmente nell’intraday, con successiva chiusura poco sotto tale soglia.

Ftse Mib: la partita si gioca ora in area 34.000

Il Ftse Mib deve quindi svelare ora le sue reali intenzioni in area 34.000, dove si giocherà una partita importante.

Se l’indice riuscirà a superare questa soglia, allora si garantirà ulteriori spazi di crescita con primo approdo in area 34.200 e obiettivo successivo a 34.500 punti.

La violazione anche di quest’ultima soglia sarà propedeutica a una prosecuzione della salita in direzione della soglia psicologica dei 35.000 punti.

La mancata rottura di area 34.000, invece, favorirà da subito dei ripiegamenti del Ftse Mib, in primis verso i 33.800/33.700 e in seguito in direzione di area 33.500.

Oltre questo livello la discesa troverà terreno fertile, con proiezioni successive a 33.200 e a 33.000 punti, in corrispondenza dei quali si dovrebbe assistere una reazione dei corsi.

I market movers negli Stati Uniti

Per la prima seduta della prossima settimana non si segnalano aggiornamenti macro di rilievo negli Stati Uniti,

I dati macro e gli eventi in Europa

Nel Vecchio Continente sarà reso noto il dato finale dell’indice dei prezzi al consumo che a febbraio dovrebbe mostrare una variazione negativa dello 0,4%, mentre la versione “core”, depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentari ed energia, è vista in rialzo del 3,1% su base annua.

Da seguire in Germania l’asta dei titoli di Stato con scadenza a un anno per un ammontare massimo di 3 miliardi di euro.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari si segnala lo stacco del dividendo di due blue chip e si tratta di ENI che staccherà la terza tranche della cedola a valere sull’esercizio 2023 pari a 0,24 euro, mentre STM la quarta tranche relativa all’esercizio 2022 nella misura di 0,06 dollari per azione.

Da segnalare Interpump che presenterà i risultati dell’esercizio 2023 e al test dei conti saranno chiamati anche Industrie De Nora, Newlat Food, Seco, E.P.H., Gabetti PS, Zucchi, Intred, Italian Wine Brands e SBE-Varvit.

Da seguire Ascopiave nel giorno in cui si riunisce il Cda per l’approvazione del piano strategico 2024-2027.

Lunedì sarà efficace la revisione dei principali indici di Borsa che prevede l’ingresso nel Ftse Mib di Banca Popolare di Sondrio in sostituzione di Banca Generali.

A partire da lunedì 18 marzo, sarà efficace il raggruppamento azionario di Health Italia che avverrà nel rapporto di una azione ordinaria ogni 100 esistenti.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate