Un finale di settimana in calo a Piazza Affari che oggi si allinea all'andamento negativo degli altri mercati europei.

Ftse Mib ancora in calo: violati i recenti minimi

Il Ftse Mib, dopo aver ceduto ieri lo 0,21%, accusa una flessione ben più ampia oggi, presentandosi poco sotto i 25.400 punti, con un ribasso dell'1,25%.

L'indice delle blue chips dopo aver segnato nuovi massimi dell'anno lo scorso 8 giugno a 25.926 punti, ha accusato un ritracciamento che è stato arginato da quota 25.500 punti.

Una soglia di prezzo che oggi è stata violata al ribasso e in caso di conferme di questa rottura sarà reale il rischio di assistere a nuovi cali.

Ftse Mib: nessuna paura. Per Barclays è un ottimo affare, ecco perchè

Un movimento che tuttavia non deve allarmare, non solo perchè uno storno è più che fisiologico per il Ftse Mib, vista la strada percorsa al rialzo fino ad ora, e inoltre perchè gil analisti proprio in questi giorni hanno confermato il loro ottimismo su Piazza Affari.

Gli esperti di Barclays ad esempio guardando con più favore all'azionario europeo che a quello americano e nell'ambito del Vecchio Continente accordano la loro preferenza alla Borsa tedesca e a quella italiana.

I due mercati azionari infatti, a detta degli esperti sono su valutazioni interessanti e beneficiano di dinamiche degli utili favorevoli.

Barclays spiega che l'Italia ha accusato una recessone più profonda per via del Covid-19 e dovrebbe beneficiare quindi di un rimbalzo più consistente, senza dimenticare che riceverà più soldi di ogi altro Paese nell'ambito del piano NextGenEU.

Piazza Affari: i settori hot e i titoli che possono salire di oltre il 20%

Gli analisti consigliano così di puntare sull'azionario italiano, segnalando tra i suoi settori preferiti: bancario, energia, materiali da costruzione e auto.

Barclays segnala così alcuni titoli coperti con una raccomandazione "overweight" e un potenziale margine di upside di oltre il 20%.  

Nel dettaglio di tratta di Unipol ed STM che potrebbero salire rispettivamente di oltre il 32% e il 33%, insieme ad Enel che ha un potenziale upside di circa il 23%, mentre per Telecom Italia e Banca Mediolanum gli spazi di crescita sono nell'ordine del 22% per il primo e del 21% per il secondo.

Ftse Mib: Intesa Sanpaolo bullish. Sarà la volta buona per area 25.000

A guardare con ottimismo a Piazza Affari sono anche gli analisti di Intesa Sanpaolo che, ricordando le tante volte in cui il Ftse Mib ha provato a lasciarsi alle spalle la soglia dei 25.000 nel 2009, credono che questa sia la volta.

Diversi fattori giocano a favore di un simile evento, ma è bene fare attenzione all'inflazione ch potrebbe avere ricadute negative sui margini delle società.

Ftse Mib: i titoli più promettenti per il 2° semestre

Intesa Sanpaolo suggerisce così alcuni titoli su cui scommettere a Piazza Affari nella seconda metà del 2021.

Si tratta di azioni che potrebbero regalare rialzi nell'ordine di circa il 15%, segnalando tra le blue chips Banco BPM, Mediobanca, Unipol, CNH Industrial, Moncler, Pirelli e Prysmian, cui si aggiungono due titoli a media capitalizzazione: Anima Holding e Technogym.