Di seguito riportiamo l'intervista a Davide Biocchi, trader-Directa SIM, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib sta tornando indietro dopo il timido rimbalzo di ieri. Quali i possibili scenari ora?

Nella seduta di ieri tutti quelli che sono stati rimasti fuori dal mercato o hanno avuto, lo hanno visto risalire un po' e si sono buttati a comprare.

Il rimbalzo del Ftse Mib però si è sgonfiato subito e la chiusura è stata solo con un piccolo progresso.
Mi aspetto ora che l'indice ci dia delle indicazioni, perchè se deve crescere dovrà inviare un segnale di una certa consistenza e non basterà certo un rimbalzino a convincere.

Non posso dire di vedere bene il mercato in questo momento e se il rimbalzo deve essere qualcosa di serio, allora il Ftse Mib consoliderà, prenderà confidenza con questi valori e poi ripartirà.

Temo che se dovesse esserci un movimento verso il basso, la necessità dei gestori di aggiustare il rischio nei loro portafogli, portrà a nuovi cali del mercato.

Al ribasso il prossimo target per il Ftse Mib è in area 25.200 dove troverà un supporto, mentre al rialzo la prima soglia difficile è quella dei 26.850 punti, seguita poi da quota 27.300 punti.

ENI e Saipem tornano già dopo il rimbalzo di ieri. Cosa può dirci di questi due titoli?

ENI ieri ha aperto un gap-down di quasi mezzo euro e ieri ha recuperato poco, tornando a perdere terreno oggi.
Graficamente non c'è nulla che inviti ad acquistare ENI, e solo sopra 11,9 euro potrei valutare un acquisto.

Fino a quando Saipem non tornerà sopra 1,85/1,95 euro per me sarà da evitare a tutti i costi. 

Tra i bancari c'è qualche tema interessante in questa fase? A quali consiglia di guardare ora?

L'unica cosa che si può dire per i bancari è che in una giornata come quella di ieri che non ha mostrato grandi spunti, l'unico tema che ha guadagnato di più stato Banco BPM.
Non comprerei in ogni caso ora il titolo, ma sopra i 2,5 euro c'è possibilità di recupero.

Ci sono dei titoli più appetibili di altri in questa fase?

Sicuramente interessante Ferrari che ha una bella forza e sopra i 240 euro tornerà appetibile da un punto di vista grafico, con la possibilità di regalare nuovi slanci.

Anche Campari ha un bel grafico e con una chiusura sopra i 13 euro avrà qualche chance in più degli altri, anche se la sua vera forza arriverà sopra i 13,4 euro.     

Non comprerei invece Stellantis che mi sembra diretto verso area 15 euro.