Ftse Mib: storno o attacco ai top? Buy Unicredit o Intesa?

Il Ftse Mib è incerto, in un contesto attuale di doppio massimo al momento decrescente. La view Roberto Scudeletti.

ftse mib scenari settimana

Di seguito riportiamo l’intervista sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari, con domande rivolte a Roberto Scudeletti, trader indipendente e titolare del sito prtrading.

Il Ftse Mib ha archiviato la scorsa settimana con un bilancio quasi invariato. Quali i possibili scenari per le prossime sedute?

La scorsa ottava è stata caratterizzata da una apertura e una chiusura quasi identiche, inframmezzate da una discesa contenuta dal primo supporto della media a 12 periodi giornaliera.

Il Ftse Mib è indeciso fra correzione e assalto del top annuale, in un contesto attuale di doppio massimo al momento decrescente.

Ftse Mib: correzione o attacco ai top?

Per le prossime sedute, solo sopra 29.440 punti avremo una nuova spinta rialzista, prima verso i massimi precedenti a 29.560-29.580 punti, poi, sopra quest’ultimo livello, sui massimi dell’anno in zona 29.700-29.758 punti, alla cui rottura partirà una nuova gamba rialzista verso 30mila-30.500 punti,

Viceversa, sotto i 29.277 punti, ritorno del Ftse Mib sulla sopra citata media a 12 periodi giornaliera a 29.180 punti, con estensione sul minimo della scorsa settimana a 29.079 punti e sulla chiusura dell’ultimo gap-up a 28.928 punti.

Sotto questo livello spazio per i 28.746 punti e le numerose medie giornaliere inferiori in zona 28.566-28.342 punti circa, la cui tenuta dovrebbe favorire un pronto riscatto dei corsi, pena ulteriori affondi.

Focus su Unicredit e Intesa Sanpaolo

Unicredit e Intesa Sanpaolo offrono spunti interessanti sugli attuali livelli di prezzo? Quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Unicredit è in chiaro trend rialzista, con le fasi correttive che rimbalzano su supporti giornalieri e recente nuovo massimi relativo, con presente correzione sulla media a 12 giornaliera da cui si sta riprendendo, nonostante un doppio massimo decrescente in costruzione.

Infatti, i minimi e massimi crescenti caratterizzano la salita in corso, seppure dopo il massimo a 25,50 euro abbiamo assistito alla correzione sulla media a 12 daily a 24,59 euro, con attuale doppio top inferiore a 25,175-25,12 euro circa.

Sopra 25,50 euro si può pensare ad una nuova spinta rialzista per Unicredit, con supporti a 24,40 e 23,87 euro e resistenze a 27 e 28,28 euro.

Intesa Sanpaolo è in dinamica ascendente di medio periodo, caratterizzata da tre massimi e tre minimi crescenti a delimitare una chiara trendline rialzista, con recente top relativo e, sullo stacco del dividendo, relativo gap down con presente tentativo di chiusura.

In concreto, dopo due top sopra 2,60 euro e il triplo bottom tra 2,082-2,133 e 2,31 euro circa, Intesa Sanpaolo ha formato un nuovo massimo relativo a 2,6845 euro, discesa in zona 2,52 euro circa con dividendo e attuale ripresa verso i 2,60 euro.

Un nuovo impulso rialzista sarà confermato da Intesa Sanpaolo solo sopra 2,61 euro, con supporti a 2,49-2,435 euro e prossime resistenze a 2,78 e 2,91 euro.

La view su Ferrari e Stellantis

Ferrari continua ad aggiornare i suoi massimi storici, mentre Stellantis sta provando a riportarsi in area 19 euro. Qual è la sua view su questi due titoli?

Ferrari romba dopo una lunga e abbastanza ampia fase laterale, verso nuovi e continui massimi storici, come spesso succede rinforzati anche da un bel gap-up e da un andamento rialzista praticamente verticale.

Nel concreto, per circa sei mesi abbiamo assistito a una altalena tra 300 e 280-262 euro circa, con recente rottura decisa del livello di prezzo intero e attuale novello storico top a 336,9 euro, seppur non confermato a 336 euro in chiusura.

Nuovi tentativi rialzisti, per i più coraggiosi, si avranno ovviamente sopra 337 euro, con supporti a 322 e 316 euro e resistenze in area 357 e 373 euro, in territori inesplorati.

Stellantis corre sulla strada del rialzo, grazie a tre massimi e minimi crescenti, seppur in recente tempo si stia formando un primo doppio massimo decrescente, con presente tenuta di un giornaliero supporto e tentativo di ripresa in atto.

Infatti, dopo la serie di massimi rialzisti tra 17,78 e 19,20 euro circa, ecco la recente discesa supportata dalla media a 12 daily a 18,53 euro e l’attuale risalita verso 18,83-18,80 euro circa.

Nuovi scenari positivi si avranno per Stellantis solo sopra 18,84 euro, con supporti a 18,01 e 17,61 euro e resistenze a 20,05 e 20,84 euro.

Quali sono i titoli che sta seguendo più da vicino in questa fase? A quali consiglia di guardare ora?

Monitoriamo con attenzione: CNH INDUSTRIAL, MONCLER, PIRELLI, TELECOM ITALIA al rialzo e BCA MPS, ERG, ITALGAS, SNAM al ribasso.