Ftse Mib: rischi al ribasso non ancora superati

Il Ftse Mib ha regalato l’illusione di una rottura rialzista, cui ha fatto seguito un rapido calo. Quali scenari ora?

ftse mib attese seduta

Anche l’ultima seduta della settimana si è conclusa con il segno meno per le Borse europee, che hanno continuato a perdere terreno dopo il calo della vigilia.

L’unico mercato che ha fatto eccezione è stato quello inglese, con il Ftse 100 che ha terminato le contrattazioni in frazionale rialzo dello 0,07%, mentre il Dax e il Cac40 sono scesi rispettivamente dello 0,09% e dello 0,4%.

Segno meno anche a Piazza Affari che, al pari di quanto accaduto giovedì, ha indossato nuovamente la maglia nera in Europa.

Ftse Mib ultimo in Europa: negativo il bilancio settimanale

Il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 28.575 punti, con una flessione dello 0,46%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 28.703 e un minimo a 28.474 punti.

E’ preceduto dal segno meno anche il bilancio settimanale, visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chip è sceso dell’1,11% rispetto al close del venerdì precedente.

Il Ftse Mib in apertura di settimana è sceso a testare l’area de 28.500, la cui tenuta ha favorito un recupero prima verso i 28.750 punti e in seguito in direzione dei 29.300 punti.

Da questi top l’indice ha accusato una rapida flessione che lo ha riportato a mettere sotto pressione la soglia supportiva dei 28.500 punti, con una chiusura al di sopra di tale soglia.

Il Ftse Mib ha provato a spingersi oltre la soglia dei 29.000 punti, la cui rottura però ha avuto vita breve, con un ritorno delle vendite che ha riportato le quotazioni a ridosso dei 28.500 punti.

Questo movimento a passo di gambero potrebbe essere seguito nel breve da una prosecuzione delle vendite.

Conferme in tal senso si avranno con discese sotto i 28.500 punti, preludio a una flessione verso i 28.200 punti prima e in seguito in direzione di area 28.000.

Negativo sarà l’abbandono di quest’ultimo livello, sotto cui la discesa proseguirà verso i 27.500 punti.\

Con la tenuta dei 28.500 punti il Ftse Mib potrà tentare un recupero che vedrà come primo target i 28.700/28.800 punti e come obiettivo successivo area 29.000.

Se l’indice riuscirà a superare tale soglia metterà nel mirino i 29.200/29.300 punti, oltre cui salirà verso i 29.500 punti prima e in seguito in direzione dei top dell’anno in area 29.750, senza escludere un test della soglia psicologica dei 30.000 punti.

I market movers negli Stati Uniti

Per la prima seduta della prossima settimana, sul fronte macro USA si segnala l’indice Cfnai che ad agosto dovrebbe frenare da 0,12 a 0,09 punti.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa si guarderà alla Germania, dove sarà diffuso l’indice IFO che a settembre dovrebbe calare da 85,7 a 84,6 punti.

Sempre in Germania da seguire l’asta dei titoli di Stato con scadenza febbraio 2024 e agosto 2024, per un ammontare massimo rispettivamente di 2 e di 3 miliardi di euro.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari da seguire alcuni titoli che presenteranno i risultati del primo semestre e si tratta di: Fidia, Somec, Zucchi, Digital360, GEL, Omer, Pattern, Portobello, Premia Finance, Redelfi e Take Off.

Da segnalare che lunedì prenderà il via, per concludersi il 13 ottobre, l’offerta pubblica di acquisto totalitaria promossa da D360 Holding su Digital360.

Sempre lunedì, Kolinpharma sarà sospeso delle contrattazioni a Piazza Affari.