Di seguito riportiamo l’intervista sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari, con domande rivolte a Roberto Scudeletti, trader indipendente e titolare del sito www.prtrading.it.

Il Ftse Mib ha chiuso la settimana su livelli di prezzo che non si vedevano da poco più di un mese. C’è ancora spazio al rialzo?

Sulla tenuta di importanti supporti giornalieri e settimanali, il Ftse Mib  spicca il balzo, sia sopra una resistenza settimanale, sia oltre il massimo della settimana precedente.

C'è spazio per ulteriori salite, ma a patto di superare la trendiline ribassista che unisce i massimi decrescenti, come da grafico.

Sopra i 24.675 punti di Ftse Mib, spazio immediato per la chiusura del gap down di fine aprile a 24.805 punti e approdo verso la media a 100 periodi giornaliera a 25.100 punti.

Possibile un'eventuale estensione positiva sulla media a 24 periodi settimanale a 25.400 punti, sulle resistenze mensili e settimanali tra 25.700-25.740 e infine la media a 200 giornaliera a 25.825 punti che dovrebbe, almeno in un primo momento,respingere ulteriori rialzi.

Viceversa, sotto il minimo dello scorso venerdì a 24.444 punti, spazio per una serie di supporti multi frame (ossia su più grafici temporali), tra 24.335-24.285 e 24.135-23.930 punti.

Il Ftse Mib potrebbe anche estendere il calo sulla media a 100 periodi settimanale a 23.828 punti e solo sotto 23.720 punti potremo assistere ad un ulteriore affondo sui supporti mensili tra 23.585-23.255 punti circa, la cui tenuta dovrebbe favorire una pronta ripresa dei corsi.

Come valuta l’attuale impostazione di Banco BPM e Bper Banca e quali le attese nel breve?

Banco BPM si trova in una fase di ottovolante, con enorme volatilità in un senso e nell’altro, protagonista di una salita verticale, seguita dal recente crollo causa bellica, con presente ripresa rialzista.

Infatti, dopo essere salito sull’ottovolante tra 2,44 e 3,08 euro circa, il titolo è divenuto protagonista d’una esplosione positiva verso i 3,76 euro, non confermati dal crollo guerresco di eventi, con minimo addirittura a 2,126 euro e rimbalzo in atto intorno a zona 3,27-3,19 euro circa.

Ulteriori scenari rialzisti sopra 3,28 euro, con supporti a 3,10-3,01 euro e resistenze a 3,54-3,74 euro.

Fondato nel 2001, Admirals è un broker finanziario online pluripremiato che offre spread e commissioni molto competitive.

Perché fare trading con Admirals?
Oltre 8000 strumenti di trading con le migliori condizioni;
Un'offerta diversificata di prodotti: Copy Trading, MT Supreme edition per MT4 & MT5, AM Debit Card, Stereo Trader panel, Invest Accounts.
Centinaia di CFD su azioni da varie borse del mondo, senza commissioni;
Analisi avanzata e materiali didattici;
Regolamentazioni in tutto il mondo: FCA, CySEC, AFSL, JS.

BPER Banca ha oscillato tra due doppi massimi e un supporto statico, con rottura di questo ultimo, per poi rimbalzare da un nuovo minimo relativo sino alla presente fase di incertezza.

Infatti, dopo un periodo di ampio girovagare dal doppio top ascendente a 2,112-2,222 euro sino a 1,54 euro circa, ecco la recente valanga di vendite, poco sopra quota 1,24 euro, con attuale risalita in zona 1,91-1,88 euro circa.

Ulteriori progressi per Bper Banca si avranno sopra 1,92 euro, con supporti a 1,828-1,784 euro e resistenze a 2,054-2,157 euro.

Generali ha perso quota venerdì scorso, mentre si è mosso in direzione opposta Unipol. Qual è la sua view su questi due titoli?

Generali negli ultimi mesi è stato in una fase laterale, caratterizzato da massimi decrescenti e minimi crescenti.

Il titolo ha accusato in un primo momento un profondo ribasso, per i noti motivi bellici, per poi effettuare una potente inversione rialzista, sino al recente nuovo massimo relativo, seguito dalla presente correzione ribassista.

Infatti. dopo il top a 19,345 euro, Generali si era mosso tra 17,50 e 19 euro, per poi crollare a 15,30 euro e rimbalzare con decollo verticale, sul nuovo top a 21,55 euro e attuale prepotente discesa attorno ai 17 euro.

Sopra 17,81 euro potremo assistere per Generali ad un possibile nuovo impulso rialzista, con supporti a 16,96 e 16,55 euro e resistenze a 19,05 e 20 euro.

Unipol dopo il crollo dovuto alle note vicende belliche ha avuto la forza non solo di recuperare il profondo e veloce ribasso, ma addirittura di formare un nuovo massimo relativo, con recente ulteriore correzione e presente tentativo di rimbalzo ostacolato da importanti resistenze giornaliere.

Infatti, dopo crollo “ucraino” da oltre 5 euro sino al minimo di 3,53 euro, il titolo ha effettuato una V formation (= veloce inversione rialzista appunto a forma di V), con nuovo top a 5,418 euro, discesa a 4,764 euro e attuale ripresa dei corsi contro le medie giornaliere a 12 e 50 periodi, poco sopra i 5 euro.

Nuovi scenari positivi si avranno sopra 5,13 euro, con supporti a 4,95 e 4,86 euro e resistenze a 5,38-5,50 euro.

Quali sono i titoli che sta seguendo più da vicino in questa fase? A quali consiglia di guardare ora

Monitorare con attenzione: DIASORIN, FERRARI, PIRELLI,  al rialzo, A2A, ITALGAS, MEDIOBANCA, PRYSMIAN, STELLANTIS al ribasso.

In particolare guardare MONCLER al rialzo e UNICREDIT al ribasso.