Torna il sereno sulle Borse europee che provano a risalire la china dopo il sell-off di ieri, dando vita ad un rimbalzo che per ora riece a compensare solo in minima parte le perdite accusate in avvio di settimana.

Borse europee in recupero, resta più indietro il Ftse Mib

Si mostrano un po' più vivaci degli altri il Cac40 e il Ftse100, con un rialzo rispettivamente dello 0,83% e dello 0,97%, seguiti dal Dax30 che sale dello 0,61%.

Resta più indietro Piazza Affari dove il Ftse Mib, dopo aver lasciare sul parterre il 3,34% ieri, scendendo per la terza seduta di fila, oggi risale la china e si riporta poco sopra area 24.000, con un progresso dello 0,35%.

A mandare in tilt le Borse europee ieri, inclusa Piazza Affari, ha contribuito un mix di fattori.

Ftse Mib: i motivi all'origine del sell-off di ieri

In primis continua a pesare l’incremento dei contagi della variante Delta che potrebbe modificare le aspettative sulla ripresa dell'economia.

In secondo luogo, come evidenziato da Equita SIM, gli investitori valutano inoltre l’esito dell’accordo OPEC+ sulla produzione di petrolio che ha provocato una caduta verticale dei prezzi ieri.

Le quotazioni dell'oro nero sono crollate di quasi l'8%, scendendo ad un passo dai 66 dollari al barile e oggi si presentano in area 66,3 dollari, oscillando a ridosso dei valori del close di ieri.

Infine, gli investitori attendono indicazioni di politica monetaria dalla riunione BCE di giovedì prossimo.
Questa miscela esplosiva di fattori ha fatto saltare i nervi e mandato in corto circuito i mercati azionari ieri. 

Ftse Mib: possibile incertezza nel breve, ma Equita resta bullish

Secondo gli analisti di Equita SIM, nel breve termine alcuni elementi di incertezza potrebbero portare ad una fase di consolidamento dei mercati.

Gli esperti fanno riferimento in primis ai possibili ritardi nelle riaperture a causa della diffusione della variante Delta, ma anche ai timori di un possibile rallentamento della ripresa della crescita globale a causa dell’incremento dei prezzi e dei vincoli lato offerta.

La SIM milanese ritiene che tali elementi abbiamo natura temporanea e che non possano minacciare la ripresa dell’economia globale.

Anche per questo motivo gli analisti ribadiscono la loro view costruttiva sui mercati e in particolare su quello italiano, consigliando ancora di scommettere su Piazza Affari.

Inwit, un titolo da comprare sui fondamentali

Sulla base dell'analisi fondamentale, gli analisti raccomandano l’acquisto di Inwit, coperto con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 12,2 euro, valore che implica un potenziale di upside di quasi il 25% rispetto alle valutazioni correnti a Piazza Affari.

Equita SIM spiega che la sua view positiva su Inwit si basa su diversi fattori: in primis il portafoglio di torri di Inwit è un asset di valore e la domanda di dati sulle reti mobili sta aumentando a due cifre. Lo sviluppo del 5G porterà a un'ulteriore accelerazione del consumo di dati.

In secondo luogo, il gruppo ha due Anchor Tenants, che attualmente rappresentano circa l'80% delle entrate. Il contratto prevede una copertura del 100% dell'inflazione.

Il management ha confermato gli obiettivi del piano industriale 2020-2023 e la politica dei dividendi, con un tasso annuo medio composto di crescita del 7,5% con riferimento al periodo 2020-2023, che implica un rendimento del 3,5%.

Questo sale al 4,3% nel 2023, più una flessibilità fino a 1 miliardo di euro da utilizzare per M&A o per remunerare azionisti.

Il titolo Inwit tratta con un multiplo enterprise value/EBITDA 2022 di 22 volte, a leggero sconto rispetto alle 23 volte di Vantage Towers e ancor più  significativo in confronto a quello di