Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Sante Pellegrino, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.

Il Ftse Mib ieri ha toccato nuovi minimi da inizio anno. La tendenza in atto è destinata a proseguire?

Il Ftse Mib ieri ha bucato primo il supporto fondamentale dei 24.700 punti e poi il sostegno dei recenti minimi di periodo in area 24.500.

L'abbandono di questi due supporti apre le porte ad un indebolimento della struttura del Ftse Mib che rischia ora di scendere in primis fino ai 24.000 punti e in seguito verso l'area dei 22.500.

La situazione non è delle migliori e non lascia ben sperare la violazione dei due supporti citati prima, la cui tenuta avrebbe potuto favorire un tentativo di ripresa, ma un ritorno di positività si avrà solo con un ritorno del Ftse Mib sopra i 26.500 punti.

Intesa Sanpaolo e Unicredit ieri sono stati affondati dalle vendite. Cosa può dirci di questi due titoli?

Unicredit è stato abbandonato dagli investitori perchè soffre il mal di Russia e ora è chiamato al test di quota 10,5 euro, la rottura della quale vedrà una prosecuzione delle vendite fino ad area 9,8 euro.  

Al rialzo, solo sopra i 12 euro ci potrà essere un'inversione per Unicredit, ma al momento un simile scenario è prematuro.

Situazione negativa anche per Intesa Sanpaolo che sotto i 2,15 euro pare destinato a scendere ancora fino ai minimi a 2,065 euro.

Al rialzo, solo oltre i 2,38 euro si avranno segnali di ripresa per Intesa Sanpaolo, tenendo presente in ogni caso che la soglia di prezzo appena indicata corrisponde ad una resistenza molto forte.

Leonardo è reduce da ben quattro sedute al rialzo e in controtendenza rispetto al Ftse Mib. Qual è la sua view su questo titolo?

Per Leonardo è senza dubbio in atto un interesse speculativo legato al conflitto tra Russia e Ucraina.

Il titolo ha aperto un gap-up sopra tre resistenze e la più rilevante è quella dei 7,6 euro e solo sotto questo livello Leonardo si indebolirà.

Al rialzo il prossimo target è in area 8,5 euro, oltre cui si guarderà ai 9 euro prima e ai 9,8 euro in seguito.

Segnali di negatività per Leonardo si avranno con discese al di sotto dei 6,8 euro, livello di prezzo lontano al momento.

Stellantis sta scivolando verso area 15 euro. Questo ribasso è un'occasione d'acquisto?

Stellantis presenta un grafico simile a quello del Ftse Mib e la violazione dei 15,6 euro avvenuta ieri è stata un segnale negativo.
Il titolo potrebbe scivolare ora verso i 14,55 euro in prima battuta e poi verso l'area dei 14 euro.