Ftse Mib in attesa della BCE: fine della corsa?

Il Ftse Mib ha aggiornato nuovamente i massimi di periodo alla vigilia del meeting della BCE.

Dopo la chiusura contrastata di ieri, le Borse europee sono riuscite a imboccare nuovamente tutte la stessa direzione di marcia, chiudendo gli scambi in positivo.

Il Dax e il Cac40 sono saliti rispettivamente dello 0,1% e dello 0,28%, mentre il Ftse100 si è apprezzato dello 0,43%.

Al pari di quanto accaduto ieri, anche oggi Piazza Affari ha indossato la maglia rosa, con il Ftse Mib che ha archiviato la seduta a 33.363 punti, con un vantaggio dello 0,66%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 33.405 e un minimo a 33.136 punti.

L’indice anche oggi ha toccato nuovi massimi di periodo, spingendosi a poca distanza dall’area dei 33.500 punti.

Ftse Mib al test della BCE: fine della corsa?

Nelle prossime ore non è da escludere che il Ftse Mib possa provare a mettere sotto pressione questa resistenza, dalla tenuta o meno della quale dipenderanno le sue sorti nel breve.

Con la rottura di area 33.500 si apriranno nuovi spazi di crescita verso i 33.800 punti prima e in seguito in direzione di quota 34.000 punti, raggiunti i quali si dovrebbe assistere a una pausa prima di ulteriori salite.

La tenuta di area 33.500 favorirà da subito dei ripiegamenti verso i 33.200 punti prima e in seguito in direzione di area 33.000.

Al di sotto di tale soglia la discesa del Ftse Mib troverà terreno fertile verso i 32.800 e i 32.500 punti, con estensioni fin verso i 32.000 punti nella peggiore delle ipotesi.

Per la prossima seduta sarà importante vedere quali indicazioni arriveranno dalla BCE e della Lagarde, visto che eventuali sorprese in positivo o in negativo avranno effetti più meno rilevanti sul mercato.

I market movers negli Stati Uniti

Per la prossima seduta, sul fronte macro USA si segnalano le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero salire da 212mila a 215mila unità.

Il costo unitario del lavoro riferito al quarto trimestre del 2023 dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,5% dopo il calo dell’1,1% dei tre mesi precedenti.

La produttività non agricola del quarto trimestre dovrebbe evidenziare un rialzo del 3,2%, in frenata rispetto all’incremento del 4,9% precedente.

La bilancia commerciale a gennaio dovrebbe evidenziare un deficit in peggioramento da 62,2 a 63,2 miliardi di dollari.

Nel pomeriggio è prevista alla Camera un’audizione del presidente della Fed, Jerome Powell, dopo quella odierna al Senato.

Sul versante societario da seguire dopo la chiusura di Wall Street i conti degli ultimi tre mesi di Broadcom, da cui ci si attende un utile per azione di 9,48 dollari, mentre per le trimestre di Costco Wholesale e Marvell Technology si prevede un eps di 3,62 e di 0,46 dollari.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa si guarderà alla Germania, dove saranno diffusi gli ordini all’industria che a gennaio dovrebbero calare del 6,5% dopo il rialzo dell’8,9% precedente.

Da seguire in Francia l’asta dei titoli di Stato con scadenza nel 2033, 2034, 2038 e 2045 per un ammontare compreso tra 11,5 e 13 miliardi di euro.

L’evento clou della seduta sarà l’appuntamento con la BCE che annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse, destinati a rimanere fermi al 4,5%.

Da seguire la consueta conferenza stampa della presidente della BCE, Christine Lagarde.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari diversi titoli presenteranno i conti dell’esercizio 2023 e si tratta di Amplifon, Azimut Holding, Inwit, Nexi, BFF Bank, Danieli & C., Fincantieri, Ascopiave, Banca Ifis, Italmobiliare, Tinexta, Caltagirone Editore, S.S. Lazio, Vianini, Kruso Kapital e Matica Fintec.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate