Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Massimiliano De Marco, analista tecnico di Robotrend.com, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib ha toccato nuovi minimi di periodo nelle ultime sedute: vede il rischio di nuovi cali?

L’indice Ftse Mib ha confermato il carattere impulsivo della discesa e il cedimento dei 26.200 punti reitera lo scenario di una correzione più sostanziosa.

Al netto di possibili rimbalzi, magari anche un tentativo di chiusura del gap lasciato aperto da 26.800 punti, dopo essersi appoggiato ieri sulla trendline che passa per area 25.500, il primo target per le prossime settimane si trova in area 24.000.

Stellantis e CNH Industrial ieri sono stati tra i peggiori del Ftse Mib. Cosa può dirci di questi due titoli?

Stellantis con il gap down di lunedì ha rotto una trendline che sosteneva il titolo fin dai minimi di marzo 2020.
Il titolo è rimbalzato sul supporto orizzontale a 14,87 euro, se non dovesse essere sufficiente il livello più significativo al di sotto si trova in area 13,55 euro (combinazione di ritracciamento di Fibonacci e supporto orizzontale).

CNH Industrial ha una struttura più chiara, con una completa onda rialzista ed un pattern ribassista (una shooting star) sul grafico mensile.

La soglia dei 15,44 euro dovrebbe essere resistenza al momento “insuperabile”; i target al ribasso si trovano molto distanti, ma il primo supporto dovrebbe essere in area 13,30 euro.

Banco BPM e Bper Banca offrono spunti interessanti sui valori attuali? Quali indicazioni ci può fornire per entrambi?

Su Banco BPM l’interesse potrebbe tornare una volta toccati dei ritracciamenti “classici”, ovvero 2,29 euro o più probabilmente 2,05 euro.
Superare i 2,65 euro, al contrario, segnalerebbe un ritorno in marcia per obiettivo di nuovo massimo relativo.

BPER Banca è diretta a ritoccare il minimo a 1,53 euro prima di ripartire, ma in quell’area potrebbe valere la pena tentare un acquisto.

Quali sono i titoli che sta seguendo più da vicino in questa fase di mercato? A quali consiglia di guardare ora?

In questo momento, come la scorsa settimana, c’è bisogno che il mercato dia un segnale di inversione più stabile, altrimenti prezzi più bassi sono ancora dietro l’angolo.
Starei quindi ancora alla finestra in attesa di conferme o di livelli di correzione più profondi.