Di seguito riportiamo l'intervista a Davide Biocchi, professional trader, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

Il Ftse Mib fatica a riportarsi sopra quota 26.000 punti: c'è il rischio di nuovi cali?

Come dicevamo già la scorsa settimana, questi sono mercati che iniziano a pesare i "sì e i "no".
Si diventa molti selettivi e se si guarda alle ultime sedute si nota che il Ftse Mib sta vivendo giornate altalenanti.

Siamo in un contesto in cui il mercato cerca di capire dove si trova e dove andare e in momenti come questi non è tanto importante crearsi dei target o delle idee sugli indici, quanto capire se ci sono dei titoli che possono avere appeal in qualche modo.

Il Ftse Mib per ora si muove in un'area compresa tra i 25.800 e i 26.200/26.250, mentre al ribasso segnare l'area dei 25.500/25.400 che funge da supporto.

A muovere tutto è Wall Street che deve dirci se questa volta ci sarà una correzione più intensa, anche se personalmente penso che il mercato vada verso una fase di maturità.

Potrebbero anche essere toccati nuovi massimi, ma mi aspetto che gli indici azionari siano più noiosi di prima.
Nella mia previsione settimanale ho indicato che il Ftse Mib tenderà ad essere abbastanza neutrale.

Stellantis sta provando a riconquistare quota 17 euro. Cosa può dirci di questo titolo?

Fino a quando Stellantis non tornerà sopra i 17,25/17,3 euro, a mio avviso potrebbe essere in un trend secondario decrescente e rimanere nella fase di debolezza.
Solo con la rottura al rialzo dei 17,25/17,3 euro si potranno valutare posizionamenti su Stellantis. 

Ci sono dei titoli che in questo momento presentano grafici più interessanti di altri?

Tra i titoli che hanno grafici rialzisti ci sono quelli che segnalo da tempo, tra cui Banca Generali, Diasorin, anche se mi sembra arrivato, cui si aggiunge STM.

Non si può dare un obiettivo di prezzo per Banca Generali, per il quale indico un target di tempo rappresentato dallo stacco del dividendo.

Diasorin ha un bel grafico, ma mi sembra piuttosto arrivato, motivo per cui potrebbe essere tardi per posizionarsi ora.

Un altro titolo che ha un grafico interessante è Generali che sopra i 17,8 euro sarebbe appetibile, segnalando che i pull-back fino ai 17,3 euro, per ora sono stati occasioni d'acquisto.

Ci sono dei titoli che hanno rotto supporti importanti e che richiedono molto attenzione e tra questi troviamo anche Telecom Italia ed Enel.

Quest'ultimo ha violato un supporto rilevante a 7,5 euro, aprendosi la strada a nuovi potenziali ribassi, motivo per cui non valuterei un acquisto del titolo ora.