Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Sante Pellegrino, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.

Il Ftse Mib è tornato a mettere sotto pressione l'area dei 23.500. Si salirà ancora nel breve o da qui si torna indietro?

Quella in corso è una settimana decisiva per il mercato, perchè da una parte ci sono le scadenze tecniche trimestrali venerdì scorso e dall'altra c'è una scadenza ciclica fondamentale.

Ci auguriamo che i minimi toccati di recente tanto dal Ftse Mib quanto dagli indici americani, siano dei minimi di breve periodo, in modo da recuperare prontamente alcuni livelli importanti di prezzo.

Per il Ftse Mib, a questo punto l'area dei 23.000 è sicuramente un supporto fondamentale, visto che tale soglia ha trattenuto il mercato da ulteriori ribassi e da lì si può ripartire per agganciare le resistenze individuabili a 24.000 punti prima e poi a 24.700 punti.

Il Ftse Mib deve quindi difendere con forza area 23.000, perchè sotto tale soglia si tornerà negativi, mentre sopra i 24.000 punti ci sarà spazio di salita fino alla prima resistenza a 24.700 punti e poi a 26.200 punti, come ostacolo ultimo da cui l'indice potrà giocarsi il jolly per un ritorno verso i 28.000 punti.

Cosa può dirci in merito al recente andamento di Unicredit e Intesa Sanpaolo e quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Unicredit ha trovato un supporto in area 9 euro che deve essere assolutamente difeso e il superamento di area 10,3 euro, come punto di swing, può portare ad un rapido recupero dei livelli di resistenza a 12 euro prima e a 14 euro dopo.

Per Intesa Sanpaolo è fondamentale il recupero del supporto a 1,875 euro, da cui sta rimbalzando, ma bisogna superare quota 2,125 euro per trovare ancora più forza e più stabilità per andare a riprendere alcuni gap tra cui quello a 2,4 euro.

Se Intesa Sanpaolo dovesse riuscire a riportarsi su quest'ultima soglia e a superarla, potrà allungare ancora verso i 2,65 euro.

Generali ieri è salito più del Ftse Mib dopo i conti del 2021. Qual è la sua view su questo titolo?

Generali recupera tutto il terreno perso dopo l'attacco della Russia all'Ucraina.
Il titolo è su un livello di resistenza importante, visto che si trova intorno ai 18 euro, vecchia resistenza da superare per tornare fortemente rialzisti.

Al di sopra di 18 euro, infatti, Generali potrà allungare il passo verso i 19 euro prima e i 19,5 euro in seguito.

Tenaris ieri è stato il più colpito dalle vendite nel paniere del Ftse Mib. Cosa consiglia di fare con questo titolo?

Tenaris durante l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia ha segnato nuovi massimi, ma ha trovato resistenza intorno ai 13,3 euro, da dove ha invertito la rotta.

L'abbandono del livello di supporto a 12 euro sarà un segnale negativo e farà tornare Tenaris verso i 10,5 euro.

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Piazza Affari?

Segnalo CNH Industrial che recupera dai minimi degli 11 euro per andare verso la resistenza dei 14,5 euro.
Il titolo è in laterale tra un supporto forte, quale quello dei 12,5 euro, e una resistenza a 14,5 euro, da superare per ritrovare forte positività.