Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Pietro Origlia con domande sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari.

Il FTSE MIB sta provando a dare un seguito al recupero partito dai recenti minimi. Si salirà ancora nel breve?

Quella fase correttiva che aveva interessato i principali mercati azionari all'inizio della scorsa settimana, ha lasciato quasi immediatamente, il posto ad una nuova ondata di acquisti.

Ciò è avvenuto sulla scia delle buone trimestrali che stanno giungendo da oltreoceano e che stanno spingendo in particolar modo Wall Street a segnare nuovi massimi di sempre.

In questo contesto, il focus degli investitori rimane sempre rivolto ai soliti temi che ci stanno accompagnando oramai da mesi.

Da una parte troviamo i timori legati alla risalita dei contagi di Covid19, in scia alla variante Delta, e dall'altra quelli riguardanti le prossime mosse delle varie Banche Centrali, in primis la FED.

Sul mercato delle valute cerca di recuperare terreno l'Euro che nei confronti del Dollaro, tornato ad indebolirsi dopo la conferma della FED di una politica monetaria espansiva.

Il cross si porta in direzione degli 1,185, anche se sarà solo oltre la soglia degli 1,19 che si avrebbe un primo segnale di forza.

L'indice di fiducia della imprese italiane, balzato ai massimi di sempre, ha avuto un impatto importante nella giornata di ieri sul Ftse Mib, con le quotazioni che si sono portate in area 25.250 punti, vivendo la sesta seduta in rialzo sulle ultime sette.

Nel breve, come segnalato la scorsa ottava, rimane di fondamentale importanza la tenuta dei 25mila punti, sopra i quali è possibile una prosecuzione del trend in direzione dei 25.300 punti e a seguire dei 25.500-25.700 punti.
Al ribasso, segnali di debolezza per il Ftse Mib giungerebbero solo con discese sotto i 24.500 punti.

Come valuta l'attuale impostazione di Unicredit e Intesa Sanpaolo e quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Se si prende il FTSE BANCHE sembrerebbe che le quotazioni abbiano visto i loro minimi di periodo e grazie alle trimestrali in uscita nelle prossime ore possono riportare alcuni titoli verso i top di periodo.

Nello specifico importante per UNICREDIT sarà il break dei 9,80-9,85 euro, oltre i quali si dovrebbero avere allunghi in direzione dei 10,2 euro e a seguire dei 10,45 euro.

Recupero in corso anche per INTESA SANPAOLO, i cui prezzi brekkano al rialzo la trendline che parte dai massimi di giugno, con prossimi target situati in area 2,38 e a seguire verso i 2,40 euro.
Al ribasso segnali di debolezza per Intesa Sanpaolo arriverebbero sotto area 2,25 euro.

Stellantis e Ferrari offrono spunti interessanti per un acquisto sui livelli attuali?

La correzione sul titolo STELLANTIS si è arrestata alla soglia dei 15 euro, da dove sono ripresi gli acquisti che dovrebbero proseguire con il superamento dei 16 euro e primi target sui 16,30 euro e a seguire a 16,6 euro.

Al contrario il recupero di FERRARI si è arrestato a contatto con le resistenze poste in area 180-181 euro.
Sarà solo con il superamento di questi livelli che si avrebbero ulteriori allunghi in direzione dei 183 euro e a seguire verso i massimi oltre i 190 euro.

Tra le utility qual e' il suo giudizio su Snam e Terna?

Siamo su un settore impostato al rialzo con prezzi vicini ai massimi di periodo;
fatto questo preambolo sarei dell'idea di sfruttare le fasi correttive per entrare in posizione.

Nello specifico su SNAM interverrei in caso di discese verso i 5,85 euro, mentre su TERNA la prima area interessante sarebbe nei pressi dei 6,50-6,55 euro.

Quali sono i titoli su cui sta focalizzando la sua attenzione in questa fase? A quali consiglia di guardare ora?

Tra i titoli interessanti segnalo RECORDATI in caso di correzione verso i 49,3 euro.
Da seguire STM col break dei 33,6 euro, con primi target sui massimi di periodo, ed infine INTERPUMP in caso di correzione verso i primi supporti situati sui 49,5-50 euro.

Buon trading

Per abbonarti ai segnali di trading su Blue Chip, Mid Cap ed Etf, che nel 2020 hanno generato un guadagno del 170% e nel 2021 sono oltre il 127%, invia subito un Sms/Whatsapp al +39 375 567 0835 digitando "Info Origlia" oppure chiama lo 02 400 42 139.

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle mie attività, richiedi l'accesso al mio gruppo Telegram: Gruppo Telegram di Pietro Origlia.