Intesa Sanpaolo soffre: nuovo target. Fin dove può salire?

Intesa Sanpaolo in ribasso per la quinta seduta di fila, complici le tensioni sul Ftse Mib e sullo Spread. Un broker rivede fair value e stime.

Image

Anche la seduta odierna non sta riservando nulla di buon per Intesa Sanpaolo che continua a perdere terreno, scendendo per la quinta giornata di fila.

Intesa Sanpaolo in rosso per la quinta seduta di fila

Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un ribasso di quasi due punti e mezzo percentuali, oggi ha provato a risalire la china, salvo poi piegarsi nuovamente al volere dei ribassisti.

Negli ultimi minuti Intesa Sanpaolo si presenta a 1,6826 euro, con una flessione del 2,47% e oltre 104 milioni di azioni passate di mano fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 113 milioni.

Intesa Sanpaolo soffre con rally Spread. Bene i BTP

Al pari degli altri bancari, anche Intesa Sanpaolo perde quota sulla scia dei segnali negativi che arrivano dallo Spread BTP-Bund.

Il differenziale tra il decennale italiano e quello tedesco viene fotografato ora a 210 punti base, con un rally del 4,69%.

Acquisti invece sui BTP che vedono calare i tassi, tato che il rendimento del decennale cala dell'1,17% al 3,3%.

Intesa Sanpaolo: Jefferies conferma rating, ma taglia stime e target

Intanto, Intesa Sanpaolo oggi è finito sotto la lente di Jefferies, i cui analisti hanno ribadito la raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo ritoccato leggermente da 2,25 a 2,2 euro, valore che implica comunque un potenziale di upside di oltre il 30% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.

Gli analisti di Jefferies si aspettano trend di flussi più fiacchi in Italia rispetto alla Spagna e non escludono rischi al ribasso per le attese del consenso sulle commissioni di Intesa Sanpaolo.

Il broker si posiziona circa il 4%-5% al di sotto del consenso nel periodo 2022-2024 e gli analisti tagliano del 3% le stime di utile 2024, per tenere conto di un minore utile da commissioni.