Leonardo guadagna terreno grazie a risultati semestrali positivi e migliori delle attese

Il titolo sale del 2,2% circa a 6,70 euro (massimo intraday a 6,764 euro) muovendosi contro tendenza rispetto all'indice Ftse Mib che cede nello stesso momento lo 0,3% circa.

I risultati del primo semestre del 2021 confermano le previsioni di ripresa del percorso di crescita e aumento di redditività formulate in sede di bilancio al 31 dicembre 2020, evidenziando un marcato miglioramento della performance industriale del Gruppo. 

I ricavi  salgono del 7,9% a/a, gli ordini del 9,5% a/a, l'EBITA del 37% a/a, il FOCF del  26,9% a/a. Confermata la Guidance 2021. 

Leonardo, risultati semestre ampiamente positivi

I risultati del primo semestre sono ampiamente positivi e dimostrano che è ripreso il percorso di crescita. Solidi fondamentali confermano la fiducia nel breve, medio e lungo periodo. Pur risentendo dell’usuale profilo infrannuale caratterizzato da significativi assorbimenti nella prima parte dell’anno, il flusso di cassa risulta in netto miglioramento.

In dettaglio:

+ Ottima performance di Elettronica per la Difesa, Elicotteri e Velivoli

+ Portafoglio Ordini: € 35,9 miliardi, book to bill >1

+ Ordini: € 6,7 miliardi, +9,5% a/a

+ Ricavi: € 6,3 miliardi, +7,9% a/a

+ EBITA: € 400 milioni, +37% a/a

+ FOCF: netto miglioramento (+26,9 a/a) a € -1,4 miliardi in linea con usuale stagionalità

+ Solida posizione finanziaria

+ Nessuna esigenza di rifinanziamento fino al 2022

Alessandro Profumo è soddisfatto

“I risultati del primo semestre sono positivi – sottolinea Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo – e il Gruppo sta riprendendo il suo percorso di crescita sostenibile. L’attività commerciale è proseguita molto intensamente con ottimi risultati in termini di ordini, nonostante la pandemia; il solido portafoglio ordini ha sostenuto la crescita della Top-Line (ricavi e ordini). La performance industriale e il FOCF sono in netto miglioramento. Il business militare/governativo si conferma solido e robusto. L’aeronautica civile mostra alcuni segnali positivi ma rimaniamo cauti sulle tempistiche di ripresa.”

“Confermiamo la Guidance 2021 – conclude Alessandro Profumo -. I solidi fondamentali di Leonardo ci permettono di guardare con fiducia alla nostra capacità di creare valore per tutti i nostri stakeholder in maniera sostenibile nel medio-lungo periodo. Vogliamo inoltre far leva su competenze, tecnologie avanzate e capacità di innovazione alla base di nuove opportunità di crescita post COVID”.

Positivo il giudizio dei broker

Kepler Cheuvreux ha confermato la raccomandazione "buy" e ha incrementato il target da 9,00 a 9,30 euro. Le stime di Eps adjusted per il periodo 2021-2023 sono state aumentate del 3-5%.

Anche Ubs ha confermato la raccomandazione "buy" con prezzo obiettivo a 9 euro. Gli esperti commentano: "Il primo semestre segna un forte inizio dell'anno" che depone bene per il 2021.

Analisi grafica di Leonardo

Il titolo incontrerà una forte resistenza a 7,10 euro, area di transito della trend line ribassista disegnata dal top del 16 marzo. In caso di superamento di quei livelli la fase di ripiegamento delle ultime settimane potrà essere archiviata come una flessione temporanea e i prezzi potranno puntare ad un nuovo test di area 8 euro.

In area 8 si colloca il 50% di ritracciamento del ribasso dal top di febbraio 2020, si tratta quindi di una resistenza critica anche in ottica di medio periodo. Sopra quella soglia target a 8,90 almeno, prima resistenza a 8,42, lato alto del gap del 9 marzo 2020.

La mancata rottura di area 7,10 e la violazione di 6,50 potrebbero anticipare un nuovo test dei 6 euro.

(Alessandro Magagnoli)