Maire Tecnimont: nuovo contratto per un impianto SAF

Maire Tecnimont ha frenato dopo la corsa della vigilia: sotto la lente la nuova commessa annunciata dal gruppo.

maire tecnimont commessa

La chiusura positiva registrata dal Ftse Italia Mid Cap, non è stata sfruttata da Maire Tecnimont che si è mosso in controtendenza, occupando una delle ultime posizioni nel paniere di riferimento.

Maire Tecnimont storna dopo il rally di ieri

Il titolo si è lasciato alle spalle ieri una seduta brillante, con un rally del 6,29%, mentre oggi ha prestato il fianco alle prese di profitto.

Maire Tecnimont si è fermato a 4,502 euro, sui minimi intraday, con un ribasso del 2,09% e volumi di scambio vivaci, visto che sono transitate sul mercato oltre 1,1 milioni di azioni, al di sopra della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 800mila.

Maire Tecnimont: nuova commessa per Nextchem

Maire Tecnimont ha annunciato che Nextchem, inclusa nella divisione Sustainable Technology Solutions, si è aggiudicata un contratto per fornire il Process Design Package di un impianto per la produzione di Sustainable Aviation Fuel (SAF), attualmente in fase di sviluppo da parte di DG Fuels a St. James Parish, Louisiana (USA).

DG Fuels è un player emergente negli Stati Uniti nel settore dell'idrogeno e del diesel

rinnovabile a basse emissioni per l'aviazione e i trasporti.

L'azienda ha stretto diverse collaborazioni e accordi offtake con alcune compagnie aeree internazionali, fra cui Air France- KLM e Delta, e sta attualmente sviluppando il suo primo impianto di SAF.

L'impianto è atteso essere operativo nel 2028, per una capacità da 350 ktpa di SAF derivato da scarti agricoli e rifiuti.

Maire Tecnimont è stata selezionata come technology licensor delle unità di gassificazione e di trattamento gas in grado di trattare 1 mtpa di rifiuti derivanti dalla canna da zucchero e del residuo di estrazione proveniente dalla sua lavorazione.

Maire Tecnimont: il commento di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM ritengono che la notizia abbia implicazioni marginalmente positive per il titolo, grazie al posizionamento industriale (decarbonizzazione) e geografico del contratto.

Gli esperti stimano che il contratto possa valere qualche decina di milioni di dollari, con un margine EBITDA in linea con la divisione STS.

Nelle sue stime del quarto trimestre 2023, Equita SIM ipotizza che la divisione STS riceva ordini per 40 milioni di euro.

Gli analisti ritengono che Maire sia ben posizionata nelle tecnologie a supporto della decarbonizzazione e l’aggiudicazione di un contratto su processi Waste-to-Chemicals (WTC) in un mercato competitivo come gli Stati Uniti ne è una testimonianza.

Nella loro somma delle parti, gli esperti valutano la divisione STS a 8 volte l’enterprise value/EBITDA, mentre la divisione IE&CS a 5 volte.

Equita SIM resta bullish su Maire Tecnimont, reiterando il rating “buy”, con un prezzo obiettivo a 6 euro.

Maire Tecnimont: il giudizio di Mediobanca

Il titolo piace anche a Mediobanca Research, che oggi ha reiterato la raccomandazione “outperform”.

Gli analisti hanno accolto con favorevole la notizia della nuova commessa di Maire Tecnimont, perché a loro dire conferma l'alto contenuto tecnologico dell'offerta del gruppo.