Fine della corsa per Netflix? Non a giudicare da profitti e ricavi, che nel primo trimestre si sono rivelati migliori rispetto alle attese del mercato. L'effetto Covid-19, che aveva fatto decollare gli abbonamenti ai servizi del pioniere dello streaming video, fa però dietrofront e, dopo avere annunciato una crescita degli utenti di meno di 4 milioni (decisamente inferiore alle previsioni del mercato e di Netflix stessa), il gruppo di Los Gatos fornisce una guidance pessimista per l'attuale trimestre. Il risultato? Un crollo superiore all'11% in after market al Nasdaq.

Per Netflix profitti e ricavi oltre il consensus nel primo trimestre

Nel primo trimestre Netflix ha registrato un rimbalzo dei profitti netti del 116% annuo a 1,71 miliardi di euro. L'eps è passato da 1,57 a 3,75 dollari, contro i 2,97 dollari del consensus di Refinitiv. I ricavi sono invece cresciuti del 24% annuo a 7,17 miliardi di dollari. Certo, il progresso del giro d'affari è stato legato anche all'aumento dei prezzi degli abbonamenti, ma il risultato è stato comunque superiore ai 7,14 miliardi del consensus di FactSet. E allora perché lo scivolone a Wall Street?

Effetto Covid-19 sulla performance di Netflix nel bene e nel male

Netflix nei tre mesi ha conquistato 3,9 milioni di nuovi utenti paganti. Performance non disprezzabile che però si confronta con i 6,0 milioni della guidance comunicata in precedenza da Netflix stessa, con i 6,3 milioni del consensus di FactSet, gli 8,5 milioni dell'ultimo periodo dello scorso anno e, soprattutto, i 15,8 milioni del primo trimestre 2020. Ovviamente l'effetto Covid-19, che aveva fatto di Netflix uno dei fenomeni della pandemia (milioni di persone confinate in casa per il lockdown non avevano di meglio da fare che dedicarsi al binge watching), ha anche un'altra faccia della medaglia.

Fine della corsa. Netflix prevede peggiore crescita utenti di sempre

Va notato che il lockdown c'è stato anche per le produzioni cine-televisive e in questi mesi l'offerta di nuovi contenuti (originali e non) si è significativamente ridotta e con essa l'appeal di Netflix. Tanto che le previsioni per l'attuale trimestre sono persino peggiori. Netflix prevede di avere una crescita netta degli utenti di appena 1 milione. Si tratterebbe della peggiore performance da quando esiste l'offerta streaming. Per trovare una performance paragonabile, poco più di 1 milione, bisogna tornare indietro fino al secondo trimestre 2013. E la guidance si confronta con i 4,2 milioni stimati dagli analisti. Comunque c'è ancora ottimismo. “Nel breve periodo rimane certa incertezza per il Covid-19 ma nel lungo l'ascesa dello streaming per sostituire la tv tradizionale in tutto il mondo è la chiara tendenza nell'intrattenimento", ha sottolineato l'azienda Usa nella lettera agli azionisti pubblicata insieme alla trimestrale.

(Raffaele Rovati)