L'ultima seduta della settimana non ha regalato particolari emozioni per Redcordati che, pur chiudendo in positivo, è rimasto decisamene indietro rispetto al Ftse Mib.

Recordati in lieve rialzo dopo il netto calo di ieri

Il titolo non più tardi di ieri ha lasciato sul parterre oltre tre punti percentuali e quest'oggi non è riuscito a dare vita ad un recupero convincente.

Recordati infatti si è fermato a 50,2 euro, a poca distanza dai minimi intraday, con un frazionale rialzo dello 0,2% e volumi di scambio vivaci, visto che a fine giornata sono transitate sul mercato oltre 360mila azioni, al di sopra della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 280mila.
Il titolo oggi è finito sotto i riflettori sulla scia di alcune indiscrezioni che sono state confermata dalla società.

Recordati: voci di modifiche ai vertici

Il quotidiano La Repubblica ha riportato questa mattina che Altavilla lascerebbe l’incarico di presidente in Recordati, in quanto nominato alla presidenza con importanti deleghe esecutive sulla strategia di Ita, la compagnia che nascerà da Alitalia.

Secondo la stessa fonte, il CEO di Recordati, Andrea Recordati, assumerebbe la presidenza, lasciando l’incarico di Amministratore Delegato ad un nuovo manager di standing internazionale già individuato e che starebbe negoziando gli ultimi dettagli contrattuali. L’annuncio sarebbe atteso nei prossimi giorni.

Recordati conferma le indiscrezioni

In un comunicato pubblicato poco prima dell'apertura di Piazza Affari, la società, rispondendo alle indicazioni riportate da Repubblica, ha confermato che ha avviato, nel miglior interesse della società e di tutti gli stakeholders, un processo volto a rafforzare la governance dell’azienda, al fine di sostenere ulteriormente il continuo sviluppo a medio lungo termine del gruppo.

Nella nota diffusa da Recordati si legge altresì che l'esito di tale processo sarà oggetto di tempestiva comunicazione al mercato non appena sarà finalizzato.

Recordati al vaglio di Equita SIM e di Intesa Sanpaolo

Gli analisti di Equita SIM non ritengono che la strategia basata su crescita organica e attraverso acquisizioni venga modificata.

Non cambia nel frattempo la strategia della SIM milanese che su Recordati mantiene una view positiva, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 53,5 euro,

Più cauti i colleghi di Jefferies che sul titolo mantengono fermo il rating "hold", con un target price a 43,2 euro.

Con riferimento alle indicazioni di stampa, confermate dalla società, gli analisti fanno sapere che aspettano maggiori dettagli in occasione della presentazione da parte di Recordati dei conti del primo trimestre dell'anno in agenda il 29 luglio.