La settimana si è chiusa in bellezza anche per Snam che si è mosso quasi in linea con l'indice Ftse Mib.

Snam in recupero dopo il calo della vigilia

Il titolo, dopo aver ceduto quasi due punti percentuali giovedì, ha vissuto una seduta speculare ieri.

Snam ha terminato le contrattazioni a 5,23 euro, a ridosso dei top intraday, con un rialzo dell'1,83% e oltre 5,4 milioni di azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 8,6 milioni.

Snam: i conti del primo trimestre

Il titolo ha recuperato terreno all'indomani di conti del primo trimestre, chiuso con un utile netto in frazionale calo dello 0,3% a 312 milioni di euro mentre i ricavi sono saliti del 16,9% a 838 milioni di euro.

L'Ebitda è aumentato del 5,2% a 588 milioni di euro, mentre l'Ebit è cresciuto del 4,7% a 376 milioni di euro.
Le spese per investimenti sono scese del 4% a 223 milioni di euro, mentre l'indebitamento netto è stato pari a 12,620 miliardi di euro.

Snam: il commento di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM hanno parlato di un primo trimestre migliore delle attese, segnalando che i risultati includono un one-off di circa 34 milioni di euro, ma anche escludendo questo impatto l’EBITDA recurring sarebbe flat a 556 milioni.

I ricavi regolati hanno beneficiate di maggior volume e di maggiori output based services per 7 milioni.
Positivo anche il contributo delle attività della transizione energetica grazie al business Energy efficiencies.

Snam: spunti dalla conference call

Quanto agli spunti dalla call, è stata confermata la guidance di un utile netto pari a 1,1 miliardi di euro per l'intero 2022 e per gli analisti di Equita SIM si tratta di un'indicazione conservativa.

Il miglioramento del capitale circolante di 1,2 miliardi nel primo trimestre sarà riassorbito nel corso dell’anno. L’update del REPower-EU plan è molto importante perché potrebbe sostenere gli investimenti nell’idrogeno e finanziare altri progetti come il gasdotto Italia-Spagna.

Da evidenziare che la modifica dei flussi di gas per la crisi russa potrebbe attivare nuovi investimenti nella rete.
Il rafforzamento del corridoio adriatico, previsto dopo il 2030, potrebbe essere anticipato, mentre l'aggiornamento del piano è atteso a gennaio 2023.

Snam: la view di Equita SIM

Equita SIM evidenzia che il piano REPower-EU sarà fondamentale sia per capire quali nuovi investimenti per nuove gas pipeline e per il backbone di idrogeno potranno essere attivati.
La visibilità su queste opzioni a lungo termine è ancora bassa, ma potrebbe migliorare nel corso del 2022.

Il titolo tratta su multipli ragionevoli, con un premio del 24% e un rendimento del 5,3%, uno dei più alti del settore.
Equita SIM conferma la view cauta su Snam, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 5,14 euro.

Snam: Intesa Sanpaolo resta cauta. Mediobanca alza il target price

Lo stesso rating è stato reiterato anche da Intesa Sanpaolo, con un target price a 5,4 euro, dopo la trimestrale migliore delle attese.

A rivedere la valutazione è stata Mediobanca che sul titolo ha ribadito la raccomandazione "neutral", con un fair value alzato da 5 a 5,15 euro.

Secondo gli analisti, l'attuale situazione evidenzia l'importanza dell'infrastruttura del gas in Europa del Sud per diversificare le fonti energetiche.