Stellantis sale dopo i dati di maggio. Buy con ottimo upside

Stellantis più forte del Ftse Mib dopo i dati sulle immatricolazioni di auto a maggio: ecco come è andata.

stellantis immatricolazioni maggio

Anche quest'ultima seduta della settimana è vissuta in positivo da Stellantis, che sale per la seconda giornata di fila.

Stellantis in buon rialzo sul Ftse Mib

Il titolo già ieri aveva catalizzato gli acquisti, mettendo a segno un progresso di quasi un punto e mezzo percentuale dopo tre ribassi consecutivi.

Lo shopping trova un seguito anche oggi, con il titolo che ha avviato gli scambi già in salita e ha allungato progressivamente il passo.

Mentre scriviamo, Stellantis si presenta a 14,724 euro, con un rialzo del 2,36% e oltre 3,7 milioni di azioni transitate sul mercato fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 11 milioni.

Stellantis: le immatricolazioni in USA a maggio

Stellantis guadagna terreno sulla scia dei dati relativi alle immatricolazioni del mese scorso.

Negli Stati Uniti, che rappresentato il 27% dei volumi per Stellantis e oltre il 40% del suo fatturato, a maggio le vendite sono cresciute del 23% su base annua a 1,36 milioni di unità, con un incremento dell'11% da inizio anno a 6,3 milioni.

Con riferimento al dato di maggio, le vendite di auto sono aumentate del 22% a 292mila, con un rialzo del 10% da inizio anno, mentre per i veicoli commerciali leggeri si è registrato un balzo in avanti del 78% a 1,07 milioni, con una variazione positiva del 12% da inizio 2023.

La SAAR è salita a 15,05 milioni di euro, in aumento del 28% su base annua, portando la media dei primi 5 mesi a 15,2 milioni, coerente con la stima di General Motors di 15 milioni per l'intero 2023.

Stellantis: le vendite in Francia

Quanto al mercato francese, dove Stellantis realizza circa l'11% dei volumi, le immatricolazioni sono cresciute del 13% a 176mila unità a maggio, di cui auto in aumento del 15% a 146mila unità e veicoli commerciali del 5% a 30mila unità, nonostante 2 giorni lavorativi in meno.

Il confronto è facilitato dai dati dello scorso anno che aveva registrato un calo del 12%.

Stellantis ha sottoperformato, crescendo del 5% a 56mila unità, di cui auto +6% a 43mila unità, penalizzata dai brand Opel e Fiat, e veicoli commerciali in ascesa del 2% a 13mila unità.

Stellantis: focus sulle immatricolazioni in Italia

Infine, in Italia a maggio il mercato dell'auto ha registrato immatricolazioni in rialzo del 23,13%.

Equita SIM evidenzia che si tratta dell’ottavo mese consecutivo di crescita, ma il confronto è ancora facile, in quanto il mese di maggio 2022 fu particolarmente debole, principalmente per i problemi legati alla carenza di chip e logistici.

Stellantis ha sottoperformato, tanto che il mese scorso ha visto le sue vendite salire solo del 3,1% in Italia, con una quota di mercato che si è attestata al 33,31% rispetto al 39,2% dello stesso mese dello scorso anno.

La sottoperformance di maggio è da ricondurre principalmente per la debolezza dei brand Fiat (-25%), Citroen (-23%) e Opel (-5%).

Stellantis: il commento di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM restano dell’idea che la sottoperformance di Stellantis in Europa, per il più lento recupero su logistica e shortage di componenti, e negli Stati Uniti, per problemi produttivi, venga progressivamente almeno in parte recuperata nel corso dell'anno.

Resta immutata intanto la view bullish di Equita SIM che conferma la raccomandazione "buy" su Stellantis, con un prezzo obiettivo a 20,5 euro.

Stellantis al vaglio di Banca Akros

A puntare sul titolo è anche Banca Akros che consiglia di accumularlo in portafoglio, con un target price a 19 euro.

Entrambe le indicazioni sono state confermate sulla scia dei dati relativi alle vendite di auto a maggio.