Ancora una seduta in rialzo per Stellantis che ha guadagnato terreno anche oggi, mostrando un po' più di forza del Ftse Mib.

Stellantis sale ancora

Il titolo, dopo essersi lasciato alle spalle la sessione di ieri con un progresso di due punti percentuali, reagendo dopo tre cali di fila, oggi si è spinto ancora in avanti.

A fine giornata Stellantis si è fermato a 12,796 euro, con un rialzo dell'1,23% e circa 12,5 milioni di azioni scambiate, al di sotto della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 15,5 milioni.

Stellantis: indagine su Suzuki. I dettagli

Il titolo ha calamitato nuovi acquisti oggi, senza farsi condizionare dalle ultime notizie.

Le autorità giudiziarie europee hanno avviato perquisizioni presso Suzuki, per verificare se siano stati manipolati i dati delle emissioni dei motori diesel, attraverso l’uso di software di controllo non ammessi, in pratica una coda del dieselgate che investì negli anni passati Volkswagen.

Nell’indagine rientrano anche FCA, che ha fornito i motori, e Magneti Marelli, ceduta nel 2019 da FCA ai giapponesi di Calsonic Kansel, che ha fornito la centralina che gestisce le emissioni dei motori.

Stellantis: la view di Equita SIM

Entrambe le società hanno dichiarato di collaborare alle indagini, avendo già risposto in passato ad accuse simili.
Gli analisti di Equita SIM fanno notare che ad oggi è difficile ipotizzare quali possano essere le conseguenze.

In attesa di sviluppi su questo fronte, la SIM milanese mantiene fermo il rating "buy" su Stellantis, con un prezzo obiettivo a 20 euro, valore che implica un potenziale di upside di oltre il 56% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.