Stellantis: male le vendite UE a febbraio, ma il buy resta

Stellantis ha chiuso a ridosso della parità dopo i dati sulle immatricolazioni in Europa relative al mese scorso.

stellantis vendite febbraio europa

Chiusura poco mossa oggi per Stellantis che si è fermato poco sopra la parità, strappando il segno più per la terza giornata consecutiva.

Stellantis frena dopo due rialzi di fila

Il titolo ieri ha guadagnato oltre due punti percentuali, mentre oggi è rimasto sostanzialmente al palo.

Stellantis, infatti, ha terminato le contrattazioni a 16,196 euro, con un frazionale rialzo dello 0,06% e circa 5,3 milioni di azioni scambiate, ben al di sotto della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 12 milioni.

Stellantis sottoperforma mercato UE a febbraio

Il titolo non ha dato vita a particolari reazioni dopo che le immatricolazioni a febbraio nel mercato europeo + EFTA + Regno Unito hanno registrato un rialzo del 12% a 903mila unità, con una crescita dell'11,5% da inizio anno a 1,81 milioni.

A febbraio le vendite di auto elettriche sono cresciute del 34% a 97mila unità, pari al 12% del totale. Stellantis ha sottoperformato, con immatricolazioni in rialzo del 2% a febbraio e dell'1% da inizio anno.

Stellantis sotto la lente di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM ritengono che tale andamento sia da ricondurre ai ritardi nel tornare alla normalità con la carenza di componenti rispetto ad altri concorrenti.

La SIM milanese dichiara che i dati del mercato a febbraio sono coerenti con la stima di mercato di un rialzo del 5% per il 2023 nell'Europa allargata.

Resta immutata la view degli analisti che su Stellantis ribadiscono la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 20,5 euro.