Indiscrezioni di stampa ipotizzano che Stellantis sia intenzionata a vendere Gefco, della quale ha il 25%, per 2 miliardi di euro. I broker apprezzano la notizia. Ecco cosa dice il grafico

Stellantis vende Gefco?

Stellantis in buona forma oggi dopo le indiscrezioni di Reuters secondo le quali Stellantis e Russian Railways avrebbero avviato il processo di vendita di Gefco, gruppo attivo nei trasporti e nei servizi della logistica. JpMorgan e Rothschild & co, secondo MF, dovranno trovare un acquirente che possa pagare almeno 2 miliardi di euro. Nel 2021 si erano già manifestati potenziali compratori. Gefco dovrebbe archiviare il 2021 con un fatturato di 4,4 miliardi di euro e con un margine operativo lordo di 345 milioni. La fondazione di Gefco risale al 1949 per opera di Peugeot, poi nel 2012 i francesi hanno venduto il 75% di Gefco alle ferrovie russe per 800 milioni di euro. Dopo la fusione tra Fiat e Peugeot il 25% del capitale residuo è detenuto da Stellantis. A Stellantis si può attribuire la metà circa del fatturato di Gefco. Se il gruppo della logistica venisse venduto per 2 miliardi di euro a Stellantis arriverebbero 500 milioni di euro circa, soldi che potrebbero essere usati per finanziare la svolta elettrica.

Quattro giudizi positivi per Stellantis, ampi i margini di rialzo

Dopo le indiscrezioni relative alla vendita di Gefco Equita Sim ha confermato il giudizio "buy" con prezzo obiettivo a 20,4 euro per Stellantis (che al momento quota 17,07 euro circa, in rialzo dello 0,72%). Gli analisti di Equita valutano la partecipazione a sconto sul book value pari a meno di 150 milionim quindi, se il deal venisse confermato intorno a questi valori, ci sarebbe un impatto positivo di circa 0,1 euro per azione.

Positivo anche il giudizio di Intesa Sanpaolo, che conferma il giudizio "buy" con prezzo obiettivo a 19,90 euro. Gli esperti evidenziano come la cessione di Gefco fornirebbe un ulteriore sostegno alla liquidità del gruppo. Secondo Intesa, nel caso la vendita avvenisse effettivamente per 2 miliardi di euro, l'incasso di Stellantis sarebbe di circa 500 milioni di euro, o 0,16 euro per azione. Gli esperti di Intesa Sanpaolo fanno notare che il prossimo catalizzatore sul quale concentrare l'attenzione è l'Electrification Day del gruppo, in agenda per l'8 di luglio.

Anche Bestinver ha confermato la raccomandazione "buy" su Stellantis a seguito delle citate indiscrezioni sulla vendita di Gefco. Per gli esperti la notizia è positiva ma ha un impatto non consistente sul titolo: "l'incasso potenziale per Stellantis sarebbe circa 500 milioni di euro, 0,16 euro per azione, e non c'è nessuna indicazione che tale somma sarà distribuita agli azionisti".

Mediobanca Securities ha ribadito la raccomandazione “outperform” su Stellantis  con prezzo obiettivo a 21,3 euro dopo le già citate indiscrezioni di stampa che vorrebbero Stellantis e Russian Railways venditori di Gefco. Gli esperti di Mediobanca ritengono che la notizia sia positiva per Stellantis ma di impatto limitato per l'azione.

Per l’analisi tecnica il target è a 20 euro

Andando ad analizzare il grafico è possibile condividere l'opinione degli analisti fondamentali: il titolo segue un percorso rialzista ormai dai minimi di marzo 2020, a 4,816 euro, e al momento non ci sono segnali di rallentamento. Il ribasso che ha visto scendere le quotazioni il 21 giugno a 16 euro si è mantenuto bene al di sopra della media mobile esponenziale a 50 giorni, passante a 15,87, e dei massimi di marzo, a 15,45 circa (poi testati nuovamente ad aprile). Fino a che le quotazioni rimarranno al di sopra di questo duplice supporto le attese saranno in favore del proseguimento del rialzo con obiettivo inizialmente in area 18,70, poi a 20 euro circa. La violazione di 15,45 potrebbe invece anticipare discese verso area 13,50 euro almeno.

(Alessandro Magagnoli)