Telecom in fondo al Ftse Mib. Rumor sul Cda di domani

Telecom Italia ancora in ribasso: due i temi che tengono banco oggi.

Tra le blue chip che oggi non riescono a sintonizzarsi con l’andamento positivo del Ftse Mib, muovendosi in controtendenza, troviamo anche Telecom Italia.

Telecom Italia in fondo al Ftse Mib

Il titolo, dopo aver archiviato la sessione di ieri con un calo di mezzo punto percentuale, perde ancora terreno oggi, occupando l’ultima posizione nel paniere delle blue chip.

Mentre scriviamo, Telecom Italia viene fotografato a 0,2793 euro, con una flessione dell’1,17% e oltre 104 milioni di azioni passate di mano fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 155 milioni.

Telecom: rumor su lista Cda da approvare domani

Il titolo finisce sotto la lente alla vigilia della riunione del Cda dell’ex monopolista italiano.

Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore, ieri si è riunito il comitato nomine per approntare la lista del CdA di Telecom Italia, che sarà deliberata domani.

Oltre al CEO Labriola, il quotidiano di Confindustria riporta il nome di Alberta Figari, avvocato d’affari ex Clifford Chance come candidata per la presidenza.

Alberta Figari è stata per tre mandati consecutivi nel CdA di Generali, ricoprendo la carica di presidente in diversi comitati endoconsiliari.

Secondo l’articolo del Sole 24 Ore, la lista vedrebbe nelle prime sei posizioni anche la presenza di due consiglieri che nell’attuale consiglio sono stati espressi da Assogestioni e si tratta di Paola Camagni e Federico Ferro Luzzi.

Il Corriere della Sera riporta inoltre anche i nomi di Giovanni Gorno Tempini e Ilaria Romagnoli all’interno della lista del CdA, che dovrebbe contenere 10 nomi, nell’evenienza che non sia approvata la proposta di riduzione del Board a 9 membri.

Telecom: il commento di Equita SIM

Il rinnovo del CdA e il closing della cessione di NetCo sono due elementi di incertezza che secondo gli analisti di Equita SIM potrebbero essere rimossi nei prossimi mesi e che potrebbero portare a un rerating del titolo, insieme alla miglior visibilità sul profilo di TIM ex-NetCo che gli esperti si aspettano dal Capital Market Day di giovedì.

Open Fiber: sempre più evidenti le difficoltà

Per quanto riguarda Open Fiber, varie fonti di stampa riportano che Infratel avrebbe contattato Telecom Italia per sondarne la disponibilità a subentrare nell’esecuzione di alcuni lotti delle gare PNRR.

Il piano di rifinanziamento di Open Fiber sarebbe in stand-by, in attesa di chiarezza sulla disponibilità delle varie controparti di sostenere il riequilibrio finanziario del gruppo, anche intervenendo con un possibile riequilibrio della concessione per le aree bianche.

Equita SIM commenta la situazione di Open Fiber

Equita SIM ricorda che l’ipotesi del subentro era già emersa in passato e indica secondo gli analisti la complessità della situazione di Open Fiber, aggravata dai tempi vincolanti previsti dalle gare del PNRR per l’ottenimento dei fondi europei.

A detta della SIM milanese, la notizia conferma le difficoltà di Open Fiber e la necessità per il governo di trovare una soluzione più strutturale per stabilizzare le prospettive del gruppo.

Secondo gli analisti, questa situazione rende più concreto e credibile l’earn-out fino a 2,5 miliardi di euro negoziato da Telecom Italia con KKR in caso di combinazione tra NetCo e Open Fiber.

In attesa di novità, gli esperti di Equita SIM mantengono invariata la loro view bullish, con una raccomandazione “buy” e un prezzo obiettivo a 0,4 euro.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate