Telecom cala ancora: rumor su Cda e tempistiche Governo

Telecom Italia ancora in calo, per nulla aiutato dalle indiscrezioni su vari temi: ecco le ultime dalla stampa.

telecom italia rumor cda

Anche la seduta odierna non sta riservando nulla di buono per Telecom Italia che continua a perdere terreno, scendendo per la quinta sessione di fila.

Telecom Italia in ribasso per la quinta seduta di fila

Dopo aver archiviato la giornata di ieri con un ribasso di quasi due punti percentuali, il titolo oggi nelle battute iniziali ha tentato timidamente di recuperare terreno, salvo poi cambiare subito direzione di marcia.

Negli ultimi minuti Telecom Italia si presenta a 0,2007 euro, con un calo dello 0,45% e oltre 44 milioni di azioni transitate sul mercato fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 166 milioni.

Investire non deve essere così difficile. Scopri i piani di risparmio di Scalable Capital.

➔ Attiva piani di risparmio in azioni e in più di 1700 ETF, su cui non pagherai mai commissioni. Puoi anche scegliere di attivare piani di risparmio in crypto.

➔ Scegli il tuo piano di risparmio, l'intervallo d'investimento e la data di esecuzione. Piano di risparmio creato in pochi click!

Con la promozione Scalable tutti i nuovi clienti che apriranno un conto, riceveranno gratuitamente un’azione o un Etf sostenibile.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Telecom Italia: rumor sul Cda del 15 dicembre

Il titolo finisce sotto la lente sulla scia di alcune indiscrezioni di stampa, riguardanti in primis il Cda in agenda la prossima settimana.

Secondo quanto riportato dal Messaggero, in occasione della riunione fissata per il 15 dicembre, il Board dell'ex monopolista italiano dovrebbe cooptare Massimo Sarmi, un manager di esperienza nel settore e un nome gradito a Vivendi, ma anche con solide relazioni col governo e quindi possibile trait d’union nelle discussioni future sulla rete.

Il Cda sarà integrato con Massimo Sarmi dopo che tre settimane fa ha rassegnato le dimissioni Frank Cadoret, esponenti di Vivendi.

Telecom Italia: focus su possibili soluzioni

Sempre la stampa riferisce che ci sono poche novità invece in merito alle possibili soluzioni per Telecom Italia, se non che secondo l’articolo del quotidiano, difficilmente potrà essere rispettata la scadenza di fine anno indicata dal governo per individuare un percorso per il gruppo telefonico.

Tra le ipotesi che il Messaggero e il Sole 24 Ore citano ci sono la scissione proporzionale, la vendita dei servizi a Poste Italiane, la presentazione di un’offerta su tutta o parte di NetCo da parte di un consorzio, con CDP minoritaria ma con opzione di salire al controllo, a un’OPA parziale sulla stessa Telecom Italia.

Come scrive il Messaggero, la fattibilità dipende non solo dai valori della Netco, visto che Vivendi ragiona sopra ai 31 miliardi di euro, ma anche dal debito da spostare, che è uno degli obiettivi dichiarati da Telecom Italia per evitare di essere soffocata dalle passività che ammontano a 25 miliardi di euro netti.

Telecom: rischio slittamento tempistiche prospettate da Governo

Non sarà facile approdare a una decisione e visto che la fine dell'anno è ormai vicina, è probabile che ci sia uno slittamento sulle tempistiche prospettate dal Governo.

Secondo gli analisti di Equita SIM, lo schema che veda la cessione di NetCo da parte di TIM rimane quello meno complesso da implementare e potenzialmente risolutivo per il tema dell’eccesso di leva del gruppo.

La SIM milanese evidenzia al contempo che non è chiaro però quali siano gli orientamenti del governo al momento.

In attesa di novità, non cambia la strategia improntata alla cautela su Telecom Italia, con la conferma della raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 0,39 euro.