A Piazza Affari oggi il semaforo è scattato sul rosso anche per Telecom Italia che rivede il segno meno dopo due sessioni consecutive in rialzo.

Telecom in rosso dopo due rialzi di fila

Dopo aver chiuso la giornata di ieri con un progresso di quasi due punti percentuali, il titolo oggi ha tentato invano di allungare il passo, salvo tornare subito indietro.

Negli ultimi minuti Telecom Italia si presenta a 0,2566 euro, con un calo dell'1,04% e oltre 27 milioni di azioni passate di mano fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 133 milioni.

Telecom Italia: sindacati pro rete unica, ma verticalmente integrata

Il titolo si difende meglio del Ftse Mib e resta sotto la lente dopo che i sindacati hanno manifestato ieri contro il piano di cessione della rete da parte di Telecom Italia.

La posizione dei sindacati è favorevole alla rete unica, ma chiedono che questa sia realizzata all’interno dell'ex monopolista italiano, con una struttura verticalmente integrata.

Telecom: le dichiarazioni dell'AD Labriola

In merito si è espresso ieri anche L'AD di Telecom Italia, Pietro Labriola, che ieri è intervenuto alla presentazione della relazione annuale dell'organo di vigilanza per la parità di accesso alle infrastrutture di rete di TIM.

Il manager ha dichiarato che "l'integrazione verticale delle Tlc è diventata anacronistica: il comparto dei servizi è caratterizzato da dinamiche competitive incompatibili con i lunghi periodi di recupero degli investimenti infrastrutturali.

Telecom: il commento di Equita SIM

Secondo gli analisti di Equita SIM, una struttura verticalmente integrata, che era alla base del progetto formulato dall'ex CEO Gubitosi, avrebbe fortissimi ostacoli Antitrust e quindi scarse chance di esecuzione.

L’alternativa offerta dalla costruzione di una rete unica non verticalmente integrata, a detta degli esperti è preferibile allo status quo dal punto di vista delle prospettive occupazionali.

Gli esperti della SIM milanese ritengono che l’opposizione sindacale al progetto non sarà tale da far fallire il progetto.

Non cambia così la strategia suggerita per Telecom Italia che per Equita SIM merita una raccomandazione "hold" con un prezzo obiettivo a 0,39 euro.