Telecom in rialzo. Vivendi pronta a fare ricorso

Telecom Italia è salito anche oggi, con l’attenzione rivolta alle indicazioni di stampa: su cosa?

telecom vivendi cda

Un bel finale di settimana per Telecom Italia che, dopo il forte rialzo della vigilia, ha continuato a catalizzare gli acquisti oggi.

Telecom Italia in rialzo anche oggi

Il titolo, reduce da un rally di circa il 5,5% ieri, si è spinto in avanti anche oggi, salendo del 2,36% a 0,2688 euro, con volumi di scambio esplosivi, visto che sono transitate sul mercato oltre 427 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 165 milioni.

Telecom: Vivendi pronta a ricorso, ma senza urgenza

Telecom Italia è rimasto sotto la lente sulla scia delle indicazioni di stampa, con diversi articoli che oggi sono concordi nel ritenere che Vivendi sia pronta a presentare un ricorso contro la cessione di NetCo, con tempistiche ancora non chiarissime, tra oggi e la settimana prossima.

Il Corriere della Sera, la Repubblica e il Messaggero riportano però che non si tratterebbe di una procedura d’urgenza (art. 700) che, se accolta, potrebbe portare alla sospensione dell’operazione.

Si tratterebbe invece di un ricorso volto a tutelare i propri interessi e che nei fatti non bloccherebbe la cessione di NetCo e permetterebbe a Vivendi di ribadire la propria visione sul valore di NetCo e tenere alta la pressione sul CdA cercando intanto di negoziare un’uscita.

Telecom: il commento di Equita SIM

Agli analisti di Equita SIM sembrano quindi plausibili e coerenti con quanto affermato da Yannick Bollorà in una recente intervista, le indiscrezioni di Bloomberg che vedono Vivendi al lavoro con alcuni advisor per valutare come massimizzare il valore della propria quota in Telecom Italia.

Vista la rilevanza strategica della quota, pari al 24%, e i valori depressi del titolo oggi, anche per l’incertezza creata dalla stessa Vivendi sul completamento dell’operazione NetCo, gli analisti di Equita SIM pensano che i francesi non valuterebbero oggi un’uscita sul mercato, ma possano cercare un compratore più strategico e un timing migliore.

Se fosse confermata quindi l’indiscrezione per cui non si tratterebbe di un art. 700, a detta di Equita SIM sarebbe una notizia molto positiva per Telecom Italia, che eliminerebbe quasi del tutto il rischio che la cessione di NetCo non si concluda.

Telecom al lavoro su lista Cda

Sul fronte del CdA, l’ex monopolista italiano ha comunicato di aver accolto la richiesta di KKR di portare la deadline per Sparkle a fine gennaio e di aver iniziato le discussioni in merito alla possibile presentazione di una lista del CdA, ricevendo dal presidente Rossi l’indicazione di non essere disponibile per un nuovo mandato.

Il CEO Labriola, invece, ha ribadito la propria disponibilità per proseguire il proprio mandato e l’esecuzione del piano strategico approvato dal CdA.

In attesa di novità, gli analisti di Equita SIM non cambiano idea su Telecom Italia, ribadendo la raccomandazione “buy”, con un prezzo obiettivo a 0,4 euro.