A meno di un'ora dalla chiusura delle contrattazioni odierne, la seduta prosegue in calo per Terna che si allinea all'andamento negativo del settore utility e mostra una maggiore debolezza del Ftse Mib.

Terna torna indietro dopo il rimbalzo di ieri

Il titolo ieri è salito di circa mezzo punto percentuale, rimbalzando dopo cinque sessioni consecutive in calo, ma oggi ha ripreso la via delle vendite. Negli ultimi minuti Terna si presenta a 6,152 euro, con un calo dell'1,25% e oltre 4,5 milioni di azioni scambiate fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 6,3 milioni.

Terna appesantito dal rally dei tassi BTP: corre lo Spread

Al pari delle altre utility, anche Terna è impattato negativamente dalla seduta disastrosa vissuta oggi dal mercato obbligazionario.

Lo Spread BTP-Bund si allarga al di sopra della soglia psicologica dei 100 punti base e mostra un rally del 3,91% a 103,65 basis points.

Uno tsunami di vendite si abbatte sui BTP, con conseguente impennata dei tassi e in particolare del decennale che balza del 12,13% allo 0,749%.

Terna intanto risente negativamente di questo forte rialzo dei tassi e resta sotto i riflettori sulla scia delle ultime indicazioni dalla stampa. 

Terna: rumor sul Tyrrhenian Link

Secondo il Sole 24 Ore, entro l’estate Terna invierà al Ministero della Transizione ecologica la relazione con l’esito della consultazione pubblica per il progetto del ramo est del Tyrrhenian Link, l’interconnector fra Sicilia, Sardegna e continente, composto da due linee sottomarine per complessivi 950 km.

La chiusura della consultazione pubblica permette di far entrare nel vivo il processo autorizzativo.
Il responsabile dello Sviluppo e Progetti Speciali di Terna, Giacomo Donini, ha sottolineato che il Tyrrhenian Link è un progetto chiave per la transizione ecologica.

Terna: un progetto importante. Equita dice buy e vede un buon upside

Il progetto è molto importante per la società, perché assicura visibilità sulla crescita degli investimenti nel medio-lungo termine.

Si tratta infatti di un progetto da 3,7 miliardi di euro da completarsi nel 2028, dei quali 1,8 miliardi inseriti nel business plan 2021-2025.

In attesa di novità Equita SIM mantiene una view bullish su Terna, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 7,2 euro, valore che implica un potenziale di upside di circa il 17% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.