La settimana si è chiusa in bellezza per Terna che, dopo aver guadagnato oltre mezzo punto percentuale ieri, si è spinto ancora in avanti oggi, salendo per la quarta seduta di fila.

Terna in evidenza tra le utility, più forte del Ftse Mib

Il titolo ha archiviato le contrattazioni a 6,696 euro, con un rialzo dell'1,92% e oltre 5 milioni di azioni trattate, al di sopra della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 4,8 milioni.

Terna oggi ha mostrato più forza del Ftse Mib e ha messo a segno la seconda migliore performance nel settore delle utility.

Terna spinto dai BTP: calano i tassi, giù anche lo Spread

Il titolo, al pari degli altri protagonisti del comparto, ha beneficiato dell'ottimo andamento del mercato obbligazionario.

Lo Spread BTP-Bund è sceso del 2,54% e acquisti vivaci si sono riversati sui BTP, tanto che il rendimento del decennale ha accusato una flessione del 3,22% allo 0,632%.

Terna: Bank of America dice buy e alza il target price

A dare man forte a Terna sono state anche le positive indicazioni arrivate da Bank of America che ha ribadito la sua view bullish sul titolo.

Gli analisti da una parte hanno reiterato il rating "buy" e dall'altra hanno alzato il prezzo obiettivo da 7,4 a 8,5 euro, valore che implica un potenziale di upside di circa il 27% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.

La banca americana ritiene che ci sarà un re-rating strutturale per Terna, evidenziando che il suo giudizio positivo tiene conto anche del fatto che i capex previsti nel 2025 saranno di tre volte al di sopra della media 2000-2020.