Anche la seduta odierna non sta riservando nulla di buono per Unicredit che dopo la caduta verticale di venerdì scorso, continua ad arretrare oggi, scendendo per la quinta seduta di fila.

Unicredit in rosso per la quinta seduta di fila

Il titolo prima del week-end ha lasciato sul parterre oltre nove punti percentuali e oggi resta stretto nella morsa dei ribassisti.

Unicredit passa di mano a 9,366 euro, con una flessione del 2,5% e oltre 14 milioni di azioni scambiate fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a oltre 23 milioni.

Al pari delle altre banche, anche Unicredit risente delle pessime indicazioni dal fronte obbligazionario.

Unicredit soffre con tensioni BTP e Spread

Lo Spread BTP-Bund si presenta a 240,2 punti base, con un rialzo del 2,61%, mentre il rendimento del BTP a 10 anno sfonda la soglia del 4% ed è fotografato al 4,019% con un rally del 4,91%.  

Unicredit intanto finisce sotto i riflettori sulla scia di alcune indicazioni che arrivano dalla stampa.

Unicredit: l'intervista al CEO. Focus su partnership con Allianz

Corriere Economia propone un’intervista ai CEO di Unicredit e Allianz e gli analisti di Equita SIM riportano le principali indicazioni.
Allianz e Unicredit hanno recentemente rafforzato la propria partnership sul fronte bancassicurativo.

Le due società sono caratterizzate da una perfetta sovrapposizione dei mercati di riferimento, quali Italia, Germania e CEE.

La partnership permetterà ai clienti Unicredit di godere delle soluzioni assicurative Allianz e al tempo stesso ai clienti Allianz di poter avere accesso ai prodotti di finanziamento dell'istituto di Piazza Gae Aulenti.

E' escluso che all’iniziativa possa seguire un ulteriore scambio azionario, ricordando che Allianz è già azionista di Unicredit con il 3% circa.

Unicredit: le parole dell'AD Orcel

Il CEO di Unicredit ha inoltre dichiarato: "Vogliamo fornire ai clienti Allianz la medesima qualità di prodotti a cui sono abituati.

Inoltre vogliamo lavorare sulla integrazione tecnologica delle due società a beneficio della clientela.

Una cosa molto difficile, ambiziosa, ma a mio parere è l'unico modo per garantire l'eccellenza che con questo progetto ci siamo proposti di raggiungere".

Nel corso dell'intervista l'AD Andrea Orcel, ha ribadito che Unicredit è concentrata sull’estrarre maggiore valore dalla propria rete commerciale.

Unicredit: tema M&A sotto la lente

Sul fronte M&A è stato ribadito il concetto che la banca non ha urgenza di crescere per vie esterne e che considererà operazioni solo se permetteranno di accelerare la strategia prevista a piano.

L'AD Orcel in merito al tema M&A ha dichiarato: "Ci sono due considerazioni da fare. Prima di tutto, noi non dobbiamo fare qualsiasi operazione a qualsiasi condizione. Non ne abbiamo bisogno: stiamo crescendo organicamente e con buoni risultati economici, abbiamo la giusta massa critica.

Secondo: ho sempre detto che se dovesse presentarsi la giusta operazione, al momento giusto, in grado di accelerare l'esecuzione della nostra strategia, la faremo".

Sulla scia dell'intervista all'AD, gli analisti di Equita SIM non hanno modificato la loro strategia su Unicredit, con una raccomandazione "buy" invariata e un prezzo obiettivo a 14,1 euro.