Molto rumore per nulla? Improbabile considerando il durissimo impatto che la pandemia di coronavirus ha già avuto sull'economia globale ma forse la variante Delta sarà un problema meno grave di quanto anticipato. Boris Johnson dà l'atteso liberi tutti, comunque con un mese di ritardo rispetto al previsto proprio a causa dell'emergere della variante del Covid-19 dimostratasi più contagiosa delle precedenti. La Delta, però, sembra però anche essere meno mortale. E a questo contribuiscono i programmi di vaccinazione, a buon punto per lo meno in Occidente. Tutto bene? Non proprio. Bank of America (BofA) lancia infatti l'allarme sull'impatto che la Delta potrebbe avere sulla ripresa in Europa.

Per BofA variante Delta rischio per ripresa in Europa

Per l'istituto Usa il primo rischio è per l'estate, ovvero per il ritorno alla normalità del turismo, uno dei settori più colpiti dalla pandemia. Gli analisti di BofA, guidati da Ruben Segura-Cayuela, notano per esempio come in Portogallo e Spagna siano tornati focolai e lockdown, a causa soprattutto del diffondersi dei contagi tra la popolazione più giovane (e non ancora vaccinata). “Una stagione estiva deludente, e forse rischi maggiori in autunno, ritarderebbe ancora di più una già fragile ripresa dell'Eurozona", spiega BofA. "Aumenterebbe la necessità di sostegno fiscale al di là di un'estensione di quello di emergenza, specialmente nei Paesi dell'Europa meridionale", aggiungono gli analisti.

Anche la Gran Bretagna conferma il rischio Delta

Che non si possa già festeggiare la fine della pandemia è evidente. Segnali negativi sono arrivati da Israele, che era stato uno dei primi Paesi a "uscire dall'incubo", ma che ora ha inasprito le restrizioni sui viaggi e reintrodotto l'uso delle mascherine per lo meno al chiuso. E Israele ha il 57% della popolazione già vaccinata con due dosi. Anche il ritardo alla riapertura della Gran Bretagna, per quanto sia comunque alla fine arrivata, non è del tutto incoraggiante. D'altronde bisognerà anche attendere gli sviluppi in Usa, con il presidente Joe Biden costretto ad ammettere il fallimento del suo obiettivo di avere il 70% degli americani vaccinati con almeno una dose per il 4th of July, l'Indipendence Day festeggiato domenica. Il tutto mentre anche in Usa iniziano a comparire focolai della Delta.

Se la Delta non fermerà l'estate timori su mosse Bce

Per BofA, però, è improbabile che gli investitori possano restare tranquilli anche nel caso questo allarme si riveli infondato. Se la stagione estiva dovesse filare via liscia, spiega BofA secondo quanto riportato da Barron's, allora i mercati potrebbero iniziare a innervosirsi per le possibili mosse della Banca centrale europea (Bce). BofA rimane comunque positiva sui titoli europei, in particolare per quelli ciclici, orientati sulla ripresa. “La diffusione della variante Delta è un rischio al ribasso per le nostre proiezioni sugli indici Pmi e potrebbe portare a una svolta prima del previsto nelle dinamiche procicliche. Per questo riduciamo ulteriormente la nostra esposizione ciclica (in finanziari, beni strumentali, energia e compagnie aeree) e la dimensione dei nostri sottopesi difensivi (in prodotti farmaceutici, alimentari e servizi di pubblica utilità)”, ha spiegato Sebastian Raedler, altro analista di BofA, citato sempre da Barron's.

(Raffaele Rovati)