Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, Chief Executive Officer di Unicron Associates, al quale abbiamo rivolto delle domande sugli indici azionari americani e su alcuni titoli Usa.

A Wall Street la nuova settimana è partita nel segno degli acquisti: quali i possibili scenari nel breve?

I tre indici principali hanno ritracciato un po' dai massimi storici, ma sembra vogliano risalire la china, puntare nuovamente ai top ed eventualmente superarli.

La mia view è che gli indici possano salire ancora perchè hanno segnato dei doppi minimi e l'ultimo in particolare ha dato vita ad una bella spinta rialzista.

Ora bisognerà vedere se riusciamo a sfondare la resistenza tra i minimi e i massimi assoluti.

Il supporto sta tenendo dopo essere stato testato due volte e anche se dovesse essere raggiunto una terza volta, mi aspetto ancora una reazione.

Per il Dow Jones segnalo che sta mettendo sotto pressione la resistenza di area 34.400, violata la quale si apriranno le porte ai top del 10 maggio a 35.091 punti, con conseguente chiusura del gap lasciato aperto l'11 maggio.

Attenzione ai minimi del 19 maggio in area 33.500, sotto cui il Dow Jones andrà a confermare una view ribassista, con il rischio di una discesa verso i 32.800 punti prima e in seguito verso area 32.400.

Anche l'S&P500 ha segnato un minimo il 19 maggio e in caso di ripiegamento avremo un primo sostegno in area 4.080/4.070, mentre con conferme sopra i 4.180 punti potrà puntare ai massimi del 7 maggio a 4.238 punti, prima di un allungo verso i 4.238 punti.

Il Nasdaq Composite ha segnato dei minimi il 12 maggio a 13.002 punti, sotto cui si scenderà verso i minimi del 5 marzo a 12.397 punti.

L'indice ha violato intanto la resistenza a 13.448 punti, con proiezioni ora a 14.000 punti prima e in seguito sui massimi di sempre in area 14.210.

Visa è tornato a salire e sembra dirigersi nuovamente verso i massimi storici. Qual è la sua view su questo titolo?

Visa sta rispettando il trend e presenta una configurazione molto interessante, visto che dai minimi dello scorso anno è sempre salito.

Se il titolo violerà i minimi del 12 maggio in area 220 dollari potrebbe testare i 218 dollari, mentre sotto i 215 dollari romperà la trendline di supporto di lungo periodo, con implicazioni ribassiste anche pesanti, visto che Visa potrebbe scivolare fino ai 200 dollari.

Al rialzo sopra i 229,17 dollari il titolo salirà fino ai massimi storici in area 237,5 dollari.

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Wall Street?

Interessante anche Mastercard visto che il supporto che ha retto i prezzi il 12 e il 19 maggio scorsi, a 355 dollari, è stato abbastanza battuto a marzo, favorendo poi un rimbalzo dei corsi.

Il titolo ha rotto al rialzo la resistenza a 369 dollari e punta ora a 385 dollari, per poi estendere la salita fino ai massimi storici a 401,5 dollari.

Sotto il supporto a 355 dollari Mastecard potrebbe scendere verso area 335/330 dollari.

Segnalo anche Jp Morgan che ha un trend di lungo periodo molto sano e dopo il rimbalzo dai 158 dollari del 19 maggio, sta salendo verso i massimi del 18 maggio a 165,5 dollari.

Oltre questo livello il titolo potrà puntare ai 172 dollari, mentre sotto i 162 dollari potrebbe scendere verso i 158 dollari prima e i 156 dollari dopo.