Webuild senza verve. Focus su alcune dichiarazioni dell’AD

Webuild oscilla intorno alla parità, senza trovare spunti da cavalcare nell’intervista al CEO Salini.

webuild intervista ceo

La seduta odierna prosegue senza infamia e senza lode per Webuild, che continua a oscillare intorno alla parità.

Webuild cauto dopo il rialzo di ieri

Dopo aver chiuso la sessione di ieri con un rialzo dello 0,6%, reagendo in seguito a due sedute in calo, il titolo oggi fatica a imboccare una precisa direzione di marcia.

Negli ultimi minuti Webuild si presenta a 1856 euro, con un frazionale calo dello 0,05% e oltre 360mila azioni passate di mano fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 1,2 milioni.

Webuild: l’intervista al CEO Salini

Il Corriere della Sera riporta oggi un’intervista al CEO di Webuild, Pietro Salini, che ha indicato che sulle opere del PNRR, la società ha la capacità di completare tutti i progetti vinti rispettando i tempi previsti dal PNRR.

Webuild ha oggi una quota di mercato del 2% in Italia, mentre i grandi rivali francesi e tedeschi vanno dal 3% al 10% nei loro mercati domestici.

Per questo se la quota di mercato di Webuild in Italia dovesse crescere, non sarebbe sbagliato.

Webuild: focus sullo stretto di Messina

Il CEO ha inoltre dichiarato che il Ponte sullo Stretto di Messina è un’opera importante che serve ad unire l’Italia.

Come è noto, il costo del solo ponte è di quasi 5 miliardi di euro, mentre la restante parte, pari a circa 7 miliardi di euro, servirà per le opere accessorie indispensabili al completamento del progetto.

Webuild e il consolidamento di mercato

Sul tema del potenziale interesse di Webuild a partecipare all’eventuale riassetto di

Autostrade per l’Italia, l’AD Salini ha indicato che all’estero i modelli di integrazione fra grandi società di costruzione e concessionari hanno funzionato bene e che in Europa c’è bisogno di campioni industriali per competere con i grandi gruppi americani e cinesi.

In questo contesto, Webuild vuole essere protagonista del consolidamento di mercato.