Investire in un metaverso vuol dire certo cavalcare la cresta dell’onda rispetto a quelle che sono le tendenze crypto del momento.

Eppure non a tutti è chiaro come sia possibile concretizzare l’investimento in una realtà virtuale.

Prima di tutto diciamo che tra i metaversi, cioè le realtà virtuali, esiste un sottogruppo chiamato “metaverso crittografico”. Cioè una realtà virtuale con le sue peculiarità, ma che ha la caratteristica principale di sfruttare la tecnologia Blockchain e quindi di usare risorse digitali in forma di Non Fungible Token (NFT) e un’economia per acquisti e transazioni sulla piattaforma dove esistono solo le criptovalute.

Questo perché NFT e criptovalute sono altre applicazioni che, girando su Blockchain, si integrano con facilità nei metaversi crittografici.

Dal punto di vista degli investimenti le realtà virtuali che operano su una Blockchain hanno vantaggi maggiori e trovano applicazioni che vanno ben oltre l'ambito di gioco. Solo per fare un esempio, i premi distribuiti in criptovalute in un videogioco play-to-earn su Blockchain possono essere usati tanto nel metaverso quanto nel mondo reale, ad esempio usando gli exchange per scambiare queste valute digitali con euro.

Per investire in un metaverso crittografico le strade più semplici sono perciò due: acquisire risorse NFT o criptovalute native che sostengono l’economia delle piattaforme.

In queste pagine vi guideremo attraverso gli investimenti crittografici nel metaverso, presentandovi anche alcuni progetti di realtà virtuale potenzialmente interessanti e altri già ben affermati.

Come si fa ad investire in un “metaverso” attraverso le risorse NFT?

Prima di addentrarci nel vivo della discussione e presentare quelli che sono alcuni progetti di realtà virtuale su Blockchain degni di interesse, vediamo in linea generale come si può materialmente investire in un metaverso.

Partendo dal presupposto che in questa sede non ci occuperemo genericamente di realtà virtuale, ma solo di quelle che usano la tecnologia Blockchain, le possibilità principali sono due: NFT e criptovalute.

Un NFT in un metaverso è semplicemente una risorsa grafica, quale gli avatar che popolano la realtà virtuale e che impersonerete o gli appezzamenti di terreno che assegnano agli utenti una porzione di mondo virtuale.

Queste risorse grafiche, se nei metaversi ancora in fase nascente sono in genere a buon mercato, per progetti famosi quali The Sandbox e Decentraland hanno ormai cifre di partenza di migliaia di dollari.

In ogni caso l’acquisto di risorse NFT di un metaverso offre grandi possibilità di investimento con il trading degli stessi.

Una spiegazione dettagliata e semplice su cosa siano e a cosa servano i Non Fungible Token (NFT) la trovate nel video YouTube a cura di Pietro Michelangeli:

  

Come si fa ad investire in un “metaverso” attraverso le criptovalute native?

Nei metaversi crittografici l’Intero ecosistema non ha un’economia basata su gettoni fittizi di gioco o valute fiat, ma su criptovalute che sono applicazioni che girano sulla medesima Blockchain.

Per assicurarsi un’autonomia completa i metaversi hanno la loro criptovaluta nativa, che rappresenta una delle possibilità di investimento nella realtà virtuale stessa. Questo perché al pari delle risorse NFT, anche le criptovalute esplodono di prezzo man mano che il progetto raggiunge fama e popolarità.

Anche in questo caso il prezzo delle criptovalute native varia molto in base al metaverso stesso a cui sono destinate, anche se quello attuale rappresenta un momento in generale propizio per l’acquisto perché questo tipo particolare di token, appartiene al quel tipo di valute che hanno risentito molto delle crisi dei mercati di iniziò anno e sono al momento ancora a buon prezzo, rispetto a quelli che sono i massimi storici a cui stanno lentamente tornando .

The Sandbox e Decentraland: quanto costano NFT e criptovalute?

Lasciando premesse e discussioni generali veniamo a degli esempi pratici, concentrandoci sulle possibilità di investimento che offrono tanto i progetti in fase di lancio, quanto le realtà virtuali ormai consolidate.

Certo se si dovessero elencare i metaversi più famosi e popolari al momento i primi nomi che a tutti avrebbero in mente sono: The Sandbox e Decentraland.

Per quanto riguarda le risorse NFT purtroppo la popolarità dei due progetti e gli enormi capitali che si sono riversati all’interno rende l’acquisto di risorse NFT proibitivo. Basti per stare che in Decentraland un Non Fungible Token corrispondente ad un lotto di terreno di 1 unità ha un prezzo di partenza di oltre 11.000 dollari.

Diversamente però le due criptovalute native di questi progetti non sono ancora esplose del tutto e rappresentano ancora un’ottima possibilità, anche senza capitali iniziali giganteschi. Nello specifico SAND, la moneta nativa di The Sandbox, vale 3,33 €, mentre MANA la criptovaluta di Decentraland vale 2,56 € a unità.

Next Earth, come investire in un metaverso originale e con risorse NFT a buon mercato

Cambiamo completamente scenario e veniamo invece ad un progetto ancora agli inizi per cui è avvenuta la prima vendita degli NFT delle LAND e anche il lancio della criptovaluta nativa (NXTT), ma non essendo ancora il metaverso completo si tutte le sue funzionalità ha ancora prezzi accessibilissimi.

Parliamo di Next Earth un metaverso Blockchain con la particolarità di essere una riproduzione della terra in scala 1:1, questo metaverso al momento si presenta con un aspetto simile a Google Maps, ma presto saranno ampliate le funzionalità con la possibilità di esplorazione 3D degli ambienti interni.

Al momento un’unità di terreno in questo metaverso vista costa circa 1 dollaro, dove una unità equivale a 10mx10m del mondo reale.

Ancora, Next Earth ha la sua criptovaluta nativa anche lei per ora piuttosto economica con un valore di 1 NXTT = 0,0096 €.

Quando si investe in un metaverso nascente non si hanno certo le garanzie di successo che offrono progetti affermati come The Sandbox o Decentraland, ma proprio per questo i prezzi iniziali sono molto bassi.

Investendo poi in questi progetti si deve sempre tenere conto che ad influenzare direttamente il prezzo di risorse NFT e criptovalute è il successo nel completamento dei vari obiettivi tracciati nella roadmap.

Bloktopia, dove le risorse NFT permetto di creare una rendita passiva

Ancora un metaverso nascente ed ancora la possibilità di avere un grande ritorno con un investimento piccolo di partenza: Bloktopia.

Un metaverso a tema “crypto” che rappresenta ben 21 piani di grattacielo quanti sono i milioni di Bitcoin che il mining permette di creare.

Questo progetto presenta molte potenzialità tra cui la possibilità di acquistare un particolare tipo di risorsa NFT progettata per generare una rendita passiva dal solo possesso.

Nell’atrio di questo grattacielo sono infatti posizionati una serie di cartelloni pubblicitari virtuali e che ovviamente sono risorse in forma di Non Fungible Token. Chi possiede questi Non Fungible Token può noleggiarli a brand che vogliono farsi pubblicità nel metaverso e ottenere così un guadagno passivo da essi.

Anche questo metaverso ha la sua criptovaluta nativa che si chiama BLOK e al momento, poiché il metaverso non è ancora stato lanciato, ha un costo basso di solo 0,17 € a unità.

Bloktopia è stato spesso definito da stampa ed esperti del settore un astro nascente nel panorama dei metaversi crittografici, ma al momento essendo in fase di lancio è ancora accessibile da parte di piccoli e grandi investitori.