Autostrade per l'Italia ha collocato obbligazioni riservate agli Investitori Istituzionali per 1 miliardo di euro. La domanda, che è stata di circa 2 miliardi, conferma, unitamente al recente collocamento da 1,25 miliardi di euro, il solido posizionamento della Società sui mercati internazionali del credito. Con la collocazione odierna, Autostrade per l'Italia si è dunque dotata di tutte le risorse finanziarie necessarie per il pieno supporto degli importanti piani di investimento e manutenzione - già definiti nel nuovo PEF – oltre che delle altre attività strategiche e di sviluppo del nuovo Piano Industriale. Le nuove obbligazioni da 1 miliardo di euro saranno quotate presso il Global Exchange Market MTF della Borsa Irlandese (Irish Stock Exchange). Le principali condizioni del nuovo prestito sono:
? Ammontare pari a €1.000 milioni;
? Data di Regolamento 15 gennaio 2021;
? Scadenza 15 gennaio 2030;
? Cedola fissa pari a 2,00%, pagabile ogni anno nel mese di dicembre, a partire dal 15 gennaio 2022;
? Prezzo di emissione di 99,099%;
? Rendimento effettivo a scadenza pari a 2,111%, corrispondente a un rendimento di 235 punti base sopra il tasso di riferimento mid-swap.
Autostrade per l'Italia ha incaricato Morgan Stanley come Sole Global Coordinator and Sole Active Bookrunner; Banca Akros, BNP Paribas, Goldman Sachs, Imi - Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Natixis, UBI Banca e UniCredit, come other bookrunners. Gli studi legali White & Case e Allen & Overy hanno supportato, rispettivamente, la Società e le Banche.

(RV - www.ftaonline.com)